BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: saldo secondo rata(o terza) a Dicembre 2012: quanto si dovrà pagare?

Quanto costerà il saldo di dicembre dell’Imu: i casi



Preoccupa il pagamento della terza rata Imu che per molti possessori di case italiani rappresenterà una vera e propria stangata soprattutto a causa del rialzo, talvolta al massimo dallo 0,4% allo 0,6%, delle aliquote che ogni Comune può applicare.

Il saldo del pagamento dell'Imu è fissato per il 17 dicembre, ma a causa dei ritardi che i Comuni stanno facendo nella comunicazione delle nuove aliquote, la Consulta dei Caf, Centri di assistenza fiscale, chiedono di spostare la scadenza al 31 dicembre, perché milioni di contribuenti potrebbero non riuscire a pagare entro la data di scadenza.

“Siamo preoccupati per quanto riguarda le problematiche legate all'assistenza che dovremmo erogare ai contribuenti per il pagamento del saldo”, spiega il presidente, Valeriano Canepari, secondo cui saranno oltre 11 milioni i contribuenti che si rivolgeranno ai centri di assistenza fiscale per la terza rata Imu.

Intanto al momento il saldo di dicembre conferma gli aumenti previsti: nelle grandi città del centro nord, ad eccezione di Milano, si va dai 500 a i 700 euro contro i 200-300 del sud prendendo come esempio un’abitazione principale analoga in tutte le città, di 100 mq., ubicata tra centro e periferia, di categoria A/3, classe media, 6 vani catastali.

Secondo i dati aggiornati dal Sole 24 Ore, per esempio, a Torino, l’acconto pagato a giugno è stato 217 euro, mentre il saldo di dicembre dovrebbe essere di 496 euro; nessuna differenza a Milano, dove l’acconto è stato di 176 euro e il saldo di dicembre sarà identico.

Stessa cosa a Firenze, dove l’acconto di giugno è stato di 155 euro e il saldo di dicembre sarà della stessa somma; a Bologna dove acconto di giugno e saldo di dicembre sono di 275 euro.

Aumentano invece le differenze tra acconto di giugno e saldo di dicembre a Roma e Napoli: nel primo caso si passa dai 238 euro dell’acconto ai 408 euro del saldo; mentre nel secondo caso si passa dai 93 euro dell’acconto ai 188 euro del saldo. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il