BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni polizia,militari,INPDAP ENPALS 2012-2013:nuove regole porteranno ad aumento esodati

Categorie in pensione più tardi: problemi e critiche



In pensione più tardi, insieme a ballerini, cantanti e attori, chi lavora in miniere, cave e torbiere, anche coloro che lavorano nel comparto sicurezza, difesa e pubblico soccorso, come soldati, carabinieri, finanzieri, poliziotti, vigili del fuoco.

In questo caso i requisiti per andare in pensione saranno incrementati, ma un poco alla volta, per cui saranno gradualmente incrementati i requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia del personale militare delle Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, la Guardia di finanza, le Forze di polizia a ordinamento civile e i Vigili del fuoco nel rispetto delle peculiarità ed esigenze di queste categorie.

Per militari e poliziotti restano il premio dei cinque anni di contributi figurativi, per cui i 35 anni di contributi vengono conteggiati come fossero 40 e rimane per i militari la cosiddetta ausiliaria di cinque anni.

Questa novità però fa nascere un nuovo allarme esodati per alcune categorie (tra cui comparto sicurezza-difesa e iscritti ai Fondi INPS, ex INPDAP ed ENPALS) in seguito all’armonizzazione dei requisiti minimi di accesso al sistema pensionistico prevista dalla riforma delle pensioni Fornero.

Solo chi, infatti, maturerà i requisiti entro il 31 dicembre 2012 potrà andare in pensione con le vecchie regole, mentre altri si applicherà la Riforma delle Pensioni Fornero, che ingloba anche le nuove categorie di lavoratori finora escluse dalle regole INPS consuete.

Per la Cgil l’innalzamento dell’età di pensionamento per le tipologie lavorative interessate dall’armonizzazione è inaccettabile perché ad esempio, come spiega Vera Lamonica, segretario confederale della Cgil, “minatori e cavatori svolgono mansioni gravose e, proprio per questa ragione, hanno un’aspettativa di vita molto più bassa della media”.

Critica anche Coisp (Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia) per la quale le nove regole minano la stabilità del comparto sicurezza e difesa, in più manca ancora una volta il dialogo tra Governo e parti sociali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il