BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tagli costi politici 2012: ecco l'accordo

Accordo taglio costi politica: cosa prevede



Si è raggiunto l’accordo tra presidenti di Giunte e Consigli sul taglio dei costi alla politica, che prevedono innanzitutto che i minori trasferimenti ai gruppi consiliari comporteranno risparmi tra i 35 e i 40 milioni di euro l'anno.

I governatori avranno il compito di definire i costi standard per lo stipendio dei presidenti di regione, dei consiglieri regionali e dei budget dei gruppi consiliari. Attualmente gli stipendi dei governatori oscillano tra i 7 e i 14mila e rispetto ai gruppi consiliari il taglio sarebbe del 50%, con un risparmio nei trasferimenti di circa 35-40 milioni.

Il nuovo tariffario entrerà in vigore da dicembre: le amministrazioni regionali entro novembre devono approvare le leggi di applicazione di questi standard. Ad opporsi all'accordo le regioni a Statuto Speciale che daranno parere negativo in sede di conferenza Stato-regioni. Attualmente le regioni virtuose che saranno segnalate alla conferenza Stato-regioni sarebbero l'Emilia Romagna per i consiglieri, l'Abruzzo per i gruppi e l'Umbria per i presidenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il