Abolizione province: lista ufficiale. Ecco quelle che rimangono e cancellate

Approvato nuovo decreto Province: la nuova mappa



E' stato approvato il nuovo decreto sulle Province che prevede d’ora in poi 51 province, da 86, comprese le città metropolitane. La riforma delle Province sarà attiva a partire dal 2014.

Per assicurare l'effettività del riordino delle Province senza necessità di ulteriori interventi legislativi, il governo ha delineato una procedura con tempi cadenzati ed adempimenti preparatori, garantiti dall'eventuale intervento sostitutivo di commissari ad acta, ha spiegato il ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi.

Di seguito la nuova mappa delle province: in Piemonte saranno Torino, Cuneo, Asti-Alessandria, Novara-Verbano-Cusio-Ossola, Biella-Vercelli; in Liguria, Imperia-Savona, Genova, La Spezia; in Lombardia, Milano-Monza-Brianza, Brescia, Mantova-Cremona-Lodi, Varese-Como-Lecco, Sondrio, Bergamo, Pavia; in Veneto, Verona-Rovigo, Vicenza, Padova-Treviso, Belluno, Venezia; in Emilia Romagna, Piacenza-Parma; Reggio Emilia-Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna-Forlì-Cesena-Rimini; in Toscana, Firenze-Pistoia-Prato, Arezzo, Siena-Grosseto, Massa Carrara-Lucca-Pisa-Livorno; nelle Marche Ancona, Pesaro-Urbino, Macerata-Fermo-Ascoli Piceno; in Umbria, Perugia-Terni.

E ancora, nel Lazio saranno Roma, Viterbo-Rieti, Latina-Frosinone; in Abruzzo, L'Aquila-Teramo, Pescara-Chieti; in Molise, Campobasso-Isernia; in Campania, Napoli, Caserta, Benevento-Avellino, Salerno; in Puglia, Bari, Foggia-Andria-Barletta-Trani, Taranto-Brindisi, Lecce; in Basilicata, Potenza-Matera; in Calabria, Cosenza, Crotone-Catanzaro-Vibo Valentia, Reggio Calabria.
.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il