BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):



Legge di Stabilità:detrazioni su spese,prestiti e mutui.Le novità e cambiamenti su tetti e deduzioni

Novità spese e detrazioni nuova Legge di stabilità


Cambia qualcosa nella nuova Legge di stabilità approvata qualche settimana fa, soprattutto per quanto riguarda le detrazioni su spese e mutui. Secondo quanto riportato, le detrazioni per i figli a carico, 800 euro di base, 900 se hanno meno di tre anni, oltre 1.000 euro se disabili, spariscono per i redditi superiori ai 95 mila euro annui se si ha un solo figlio, superiori ai 110 mila se se ne hanno due, mentre quella per il coniuge, anche questa di base pari a 800 euro, viene meno quando il reddito arriva a 80 mila euro, così come quelle, eventuali, per gli altri familiari a carico.

Altra novità al vaglio è di togliere alcune voci dal tetto di 3 mila euro per le detrazioni, in particolare gli interessi passivi del mutuo. Su questo punto c’è un largo consenso, considerando inoltre che questo limite è valido per l’insieme delle spese detraibili e chi ha un mutuo fa presto a raggiungere i 570 euro sottraibili dall’imposta (il 19% di 3mila euro) e non può quindi detrarre nient’altro. Sulla franchigia la volontà di intervenire è forte ma sono previste anche detrazioni su spese mediche e sui carichi familiari.

Se una persona sostiene molte spese mediche e farmaceutiche durante l'anno ma nessuna di queste singolarmente supera i 250 euro, non può portare in detrazione nulla, anche se ha speso molte migliaia di euro.

Al contrario un'altra persona che in un anno ha una sola ricevuta, poniamo di 400 euro per una prestazione specialistica, può detrarre dall'imposta il 19% della quota eccedente 250 euro, quindi in questo caso 28,5 euro (il 19% di 150 euro).




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il 05/11/2012 alle ore 10:34