BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da Business Online gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica.

OK

Cerca

Cerca tra i nostri articoli

OK


Chiudi

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):

Legge di stabilità 2012: detrazioni, tasse, cuneo fiscale, iva. Tutte le novità e ultime notizie

Tutte le ultime novità del Dl di Stabilità


Trovati i fondi per i malati di sla. Il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, assicura: “Volevo rassicurare, non c'è nè una dimenticanza nè un'assenza di risorse”, che potranno arrivare dal fondo di 900 milioni già previsti nel ddl di Stabilità.

Il ministro ha infatti precisato che “Nel ddl è previsto un fondo da 900 milioni da destinare a diverse priorità, la prima delle quali sono le politiche sociali e al loro interno c'è la questione della non autosufficienza e quindi della Sla. Si tratta di una risorsa ben identificata che fa parte di questi 900 milioni”.

Tra le novità previste dal Ddl di Stabilità, niente più riduzioni di aliquota Irpef, ma tagli del cuneo fiscale con effetti diretti sul netto in busta paga, che dovrebbe portare aumenti per i lavoratori dipendenti; non più abbattimento retroattivo ai redditi 2013 delle detrazioni e delle deduzioni dall'imposta sulle persone fisiche; e blocco dell'aumento di 1 punto dell'aliquota Iva del 10% (che riguarda beni di prima necessità come acqua, latte, carne, frutta e verdura), mentre aumenta quella dal 21 al 22%.

L'intervento sul cuneo fiscale riguarderà solo i lavoratori e le famiglie, che per fasce di reddito ancora da definire saranno sgravati con un aumento delle detrazioni da lavoro dipendente (che oggi partono da 1.840 euro per lo scaglione al di sopra della no tax area) e delle detrazioni per i figli a carico, Le risorse per il taglio del cuneo fiscale sono intorno a 1 miliardo di euro nel 2013 e almeno il doppio per il 2014.

Le detrazioni per i figli a carico, 800 euro di base, 900 se hanno meno di tre anni, oltre 1.000 euro se disabili, spariscono per i redditi superiori ai 95 mila euro annui se si ha un solo figlio, superiori ai 110 mila se se ne hanno due, mentre quella per il coniuge, anche questa di base pari a 800 euro, viene meno quando il reddito arriva a 80 mila euro, così come quelle, eventuali, per gli altri familiari a carico.

Altra novità quella di togliere alcune voci dal tetto di 3 mila euro per le detrazioni, in particolare gli interessi passivi del mutuo. Su questo punto c’è un largo consenso, considerando inoltre che questo limite è valido per l’insieme delle spese detraibili e chi ha un mutuo fa presto a raggiungere i 570 euro sottraibili dall’imposta (il 19% di 3mila euro) e non può quindi detrarre nient’altro. Sulla franchigia la volontà di intervenire è forte ma sono previste anche detrazioni su spese mediche e palestre.

E mentre il Pdl minaccia la bocciatura del ddl se verranno confermati i tagli agli organici delle forze di polizia, il Pd è pronto a dare battaglia sul fronte della scuola, per sopprimere “le norme della legge di stabilità che danneggiano la scuola, la qualità della didattica e la vita lavorativa degli insegnanti”.

Francesca Puglisi, responsabile Scuola del Pd, ha detto: “Abbiamo fatto proposte chiare su dove andare a prendere le risorse per fermare i tagli al bilancio dell'istruzione: spesa corrente rimodulazione del ministero della Difesa, fondo per la vendita degli immobili di Stato e fondo Catricalà. Proprio perchè la scuola ha fame di innovazione e di qualità, occorre tornare a investire”.




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 06/11/2012 alle ore 07:58