BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Obama vince elezioni Usa 2012: l'economia è il primo vero problema. Richio taglio rating Usa

Fitch e Moody’s avvisano Obama: necessaria ripresa del debito



Obama vice la sfida contro Mitt Romney e resta alla Casa Bianca, annunciando che “il meglio deve ancora venire”. Il presidente conquista il 50% del voto popolare, due punti in più dell'avversario.

Poi la grande festa a Chicago e quel McCormick Center scoppiato in un'ovazione: Obama è apparso con la stessa grinta del 2008, salito sul palco con la moglie e le due figlie di cui ha detto di esserne ‘orgoglioso’. La vittoria è stata conquistata ma è solo il primo passo per ‘rimettere ben in piedi’ un’America in difficoltà.

Non sarà facile il suo nuovo mandato, fra politica, economia, sanità e temi sociali da sbrogliare. Già, grazie ai referendum svoltisi in concomitanza del voto si legalizzano le nozze gay nello Stato del Maine e l'uso della marijuana, anche per fini ricreativi, in Colorado e nello Stato di Washington.

Nulla di fatto, invece,riva sulla pena di morte in California che lo stato ha deciso di non eliminare. Obama promette battaglia a tasse e debiti e intanto arrivano i primi richiami dalle agenzie di rating. Fitch ha avvisato che se la questione del fiscal cliff non verrà risolto, gli Stati Uniti rischiano di perdere il rating massimo di Tripla A nel 2013.

Secondo Fitch, che per Obama la sfida è attuare un piano di riduzione del deficit credibile necessario per supportare la ripresa economica. Avvisi anche da Moody's: se gli Usa non stabilizzeranno il debito perderanno il proprio rating. Tutto dipenderà dalla velocità di riduzione del debito.Intanto si è registrata in forte calo la chiusura di ieri per Wall Street: il Dow Jones perde il 2,36% a 12.933,20 punti, il Nasdaq cede il 2,48% a 2.937,29 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 2,37% a 1.349,59 punti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il