BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge stabilità 2012-2013:detrazioni,iva,tasse,tagli.Per modifiche e novità l'accordo sembra lontano

Non c’è accordo sulle modifiche alla Legge di Stabilità: i motivi



Ancora tutte in gioco le possibili modifiche alla Legge di Stabilità che riguardano detrazioni, tasse e tagli. Non è ancora stato, infatti, raggiunto un accordo sulle eventuali modifiche e il confronto tra governo e maggioranza.

Lontani tra i relatori del testo di questa normativa e di quella di bilancio e nella riunione con il sottosegretario al Tesoro, Polillo e si è sfiorata la rottura tra Brunetta (Pdl), Baretta (Pd) e Ciccanti (Udc), d'accordo nell'eliminare il capitolo Irpef, ma non su come utilizzare i risparmi che si ricavano.

A pesare sono le diverse priorità politiche dei singoli partiti, emerse durante l'incontro di questa mattina fra i relatori e il sottosegretario al Tesoro Gianfranco Polillo. Obiettivo di Pdl, Pd e Udc è sostituire al taglio dell'Irpef una riduzione del cuneo fiscale, mantenere inalterata l'aliquota Iva del 10% e cancellare in gran parte la stretta a deduzioni e detrazioni.

Le risorse da redistribuire ammontano a 1,1 miliardi nel 2013, a 3,1 miliardi nel 2014 e a 2,5 miliardi nel 2015: il Pd vorrebbe aumentare le detrazioni sul lavoro dipendente, il Pdl preme per rafforzare le misure di stimolo alla produttività e ridurre l'Irap, mentre l'Udc vuole aumentare gli stanziamenti a favore delle famiglie.

I partiti sono invece tutti d'accordo nel chiedere al governo una soluzione immediata per gli esodati, i lavoratori che dopo la riforma delle pensioni firmata Fornero rischiano rimanere senza lavoro e senza pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il