BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu,tredicesime più basse,legge di stabilità 2012 e spending review:consumi a rischio

Nuove misure governo: contribuiscono realmente alla crescita d’Italia?



Le misure approvate dal governo Monti con la spending review sono state pensate per dare ulteriore spinta alla ripresa dell’economia italiana, ma in molti ne paventano l’effetto contrario.

Gli esborsi in termini di numeri che significheranno l’Imu, di cui ci si prepara il salato saldo il prossimo 17 dicembre; i ribassi delle tredicesime e i tagli previsti dalla Legge di Stabilità, secondo diversi esperti, contribuiranno ad affossare ancora di più la critica condizione economico-finanziaria di Italia, portando ancor più al ribasso i consumi delle famiglie, già decisamente abbassatisi negli ultimi mesi, e soprattutto alla vigilia del periodo natalizio, quando fra regali e spese per pranzi e cene, ci si ritroverà a dover ‘tirare la cinghia’.

La stangata più pesante sarà rappresentata, per la gran parte dei cittadini italiani, dall’ultimo pagamento Imu, imposta sulla casa, che influirà molto sui bilanci delle famiglie e per la quale ogni Comune deve indicare l'aliquota per l'abitazione principale (0,4% di livello nazionale, ma la media locale è già allo 0,45%); quella ordinaria (0,76% di partenza, ma già arrivata a 0,97%) e quella per i fabbricati rurali strumentali.

I rialzi della tassa sulla casa, che vedranno un notevole squilibrio di cifre fra acconto di giugno e pagamenti di dicembre, saranno accompagnati da un’altra brutta notizia: invece di appoggiare le famiglie italiane cercando di aiutarle a sostenere le spese cui vanno incontro, il governo ha deciso anche di rendere le tredicesime di quest’anno decisamente più leggere rispetto a quelle del 2011.

Le perdite si faranno sentire: secondo la Cgia di Mestre, impiegato, con un imponibile Irpef annuo leggermente superiore ai 25.100 euro, perderà 24 euro; un operaio specializzato, con un reddito lordo annuo di poco superiore ai 20.600 euro, si troverà con una tredicesima decurtata di 21 euro; mentre un capo ufficio, con un reddito lordo annuo di quasi 49.500 euro, percepirà una tredicesima più leggera di 46 euro.

E le cattive notizie non finiscono qui: gli italiani saranno colpiti anche dai nuovi tagli previsti dalla Legge di Stabilità, da quelli che colpiranno il mondo della sanità, che prevede una notevole riduzione di posti letto nel BelPaese;a quelli per la scuola, che stanno addirittura portando alla decisione di spegnere i sistemi di riscaldamento negli edifici scolastici, cosa che, ovviamente, ha già messo tutti in subbuglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il