BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità: detrazioni, sconti figli a carico, aumento iva, irap, premi produttività

Le ultimi modifiche alla Legge di Stabilità: novità e cambiamenti



Ancora modifiche alla Legge di Stabilità 2012-2013: cambia il capitolo fiscale ma arriva anche un altro capitolo, quello della produttività:, da cui la maggioranza ha tolto 250 milioni dei 1.200 stanziati, per destinarli alle zone alluvionate. Restano ora alcuni nodi che verranno affrontati nel passaggio in Senato.

Tra le conferme, il congelamento dell'aumento dell'aliquota Iva del 10%, mentre quella del 21 salirà al 22%; cancellato anche l'abbassamento delle due aliquote Irpef più basse che, assieme ai tagli a detrazioni e deduzioni, avrebbe danneggiato le famiglie.

Il nuovo testo invece aumenta proprio le detrazioni per i figli a carico dal 2013, mentre dal 2014 calerà l'Irap per le imprese. Via libera, dunque, all'aumento delle detrazioni per i figli a carico, portati a 1.220 euro: l’emendamento alla Legge di Stabilità è stato modificato stabilendo un ulteriore l'aumento delle detrazioni sui figli a carico, che passano così da 800 euro a 1.220 euro per ogni figlio.

Il testo presenta misure a vantaggio delle famiglie, concentrate sugli sgravi ai figli. Le detrazioni salgono da 800 a 900 euro per ogni figlio a carico e da 900 a 1.220 euro per quelli sotto i tre anni di età, e per i disabili di ulteriori 400 euro.

Secondo i primi calcoli fatti dall'Ufficio studi della Consulta dei Caf (i Centri di assistenza fiscale), saranno le famiglie numerose ad avere i vantaggi maggiori. Spariscono invece il taglio delle aliquote Irpef, il tetto sulle detrazioni  e la franchigia su deduzioni e detrazioni.

Ai fondi per defiscalizzare il salario di produttività sono stati tolti 250 milioni ai 1,2 miliardi previsti nel 2013: si tratta di un emendamento su cui il governo non era d’accordo, ma che è passato lo stesso che prevede che i 250 milioni andranno a sindaci e regioni colpite dall’alluvione di questi giorni. La situazione dovrebbe essere: 950 milioni nel 2013, 1 miliardo nel 2014, 200 milioni per il 2015.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il