BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità 2012-2013: detrazioni figli a carico ma anche aumento iva. Le conseguenze

Gli effetti delle detrazioni per i figli e dell’aumento dell’Iva sulle famiglie italiane: quanto costeranno



La Legge di Stabilità lo ha confermato: congelato l’aumento dell’Iva dal 10 all’11% ma sale quella dal 21 al 22%. Le conseguenze di questo rialzo sulla spesa delle famiglie italiane si faranno sentire non poco, riportando ancora più giù i consumi, già ad una soglia bassissima.

Le stime parlano di un aumento della spesa per le famiglie l’anno prossimo di circa 255 euro. Se l’Iva sale a sostenere le famiglie sono le nuove detrazioni stabilite: arrivano infatti più detrazioni per i figli a carico con un peso inversamente proporzionale al reddito, seguendo la formula meno stipendio, più detrazioni.

Per i redditi fino a 15.000 euro, per esempio, una famiglia con due figli avrà una detrazione fino a 1.693 euro, 311 in più rispetto alla attuale normativa; mentre con 4 figli lo sconto fiscale reale arriva a 3.500 euro (643 euro) sempre per la fascia di reddito di 15.000 euro.

Per una famiglia con reddito a 30.000 euro, invece, la detrazione aumenta di 123 euro in presenza di un figlio e arriva fino a 566 euro con 4 figli. I nuclei familiari con un solo figlio, avranno uno sconto che andrà dagli 825 euro per i redditi annui pari a 15.000 euro, fino ai 155 euro per i redditi familiari pari a 80.000 euro, con un aumento che va dal massimo di 152 euro per la fascia più bassa fino ai 28 euro per quella più alta.

Nessuno sconto per i redditi oltre i 95.000 euro. Le detrazioni aumentano al calare dell’età dei bimbi e diventano, dunque, più sostanziose per i figli diversamente abili.

Le detrazioni salgono da 800 a 900 euro per ogni figlio a carico e da 900 a 1.220 euro per quelli sotto i tre anni di età, e per i disabili di ulteriori 400 euro. Secondo i primi calcoli fatti dall'Ufficio studi della Consulta dei Caf (i Centri di assistenza fiscale), saranno le famiglie numerose ad avere i vantaggi maggiori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il