BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma condominio: novità e misure ufficiali 2012-2013 dopo approvazione legge

Approvata riforma condominio: cosa prevede



La commissione Giustizia del Senato ha approvato la nuova legge sul condominio, che prevede procedure più snelle, valorizzazione della figura dell'amministratore qualificato, liberalizzazione della presenza dei piccoli animali domestici e multe fino ad 800 euro per chi non rispetta i regolamenti.

Le misure principali prevedono che l’amministratore sia diplomato. Per ricoprire questa carica, infatti, l'amministratore dovrà frequentare un corso di formazione iniziale, oltre ad aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado.

Il nuovo regolamento condominiale non potrà vietare di possedere o detenere animali domestici; per quanto riguarda il capitolo riscaldamento, chi vorrà installare un impianto autonomo potrà farlo senza dover attendere il benestare dell'assemblea, a condizione però di non creare pregiudizi agli altri e di continuare a pagare la manutenzione straordinaria dell'impianto condominiale.

Via libera anche all'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singole unità del condominio sul lastrico solare, su ogni altra idonea superficie comune e sulle parti di proprietà individuale dell’interessato.

Qualora si rendano necessarie modificazioni delle parti comuni, l’interessato ne dà comunicazione all’amministratore indicando il contenuto specifico e le modalità di esecuzione degli interventi.

Per la messa a norma in sicurezza e per l'eliminazione delle barriere architettoniche del palazzo basterà, poi, che in assemblea siano presenti i condomini che rappresentano un terzo dei millesimi condominiali e sarà sufficiente la maggioranza favorevole del 50 più uno, mentre per decidere il cambio di destinazione d'uso basteranno i quattro quinti.

Sono tuttavia vietate le modificazioni delle destinazioni d’uso che possono recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato o che ne alterano il decoro architettonico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il