BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità 2012-2013: iva, detrazioni figli, irap, tasse, disabili.Le novità testo approvato

Legge Stabilità: le misure ufficiali. Ora ultimo voto al Senato



Dovrebbe incassare ormai il via libera definitivo in settimana dal Senato il testo, cui non dovrebbero essere apportate più modifiche, sulla nuova Legge di Stabilità. Tra le misure principali: l’aumento dell’Iva di un punto percentuale per l’aliquota del 21% che sale così al 22%, mentre è stata congelata quella del 10% che non subirà alcun rialzo; via libera al blocco delle aliquote Irpef e resta l’esenzione Irpef per le pensioni di guerra anche se viene meno quella per gli assegni di reversibilità nella circostanza in cui i soggetti abbiano redditi superiori ai 15 mila euro.

Saranno esentate dal pagamento irap le micro-imprese mediante un fondo di 540 milioni nel biennio 2014-15, mentre saranno aumentate le detrazioni per i figli a carico, che passano da 900 a 1.220 euro per i figli di etù inferiore ai tre anni, mentre per i figli più grandi si passa da 800 a 950.

Approvato l’aumento anche per le detrazioni per i figli con disabilità che arrivano ad un massimo di 1.620 euro, per quelli di età inferiore ai tre anni. Blocco invece a tetti e franchigie e alla retroattività per le detrazioni fiscali.

Blocco all’aumento delle ore di lavoro degli insegnanti; via libera all’erogazione alle scuole paritarie di 223 i milioni che saranno destinati alle scuole paritarie, mentre nell’ambito dell’accordo sulla produttività, è stata decisa l’erogazione di 800 milioni in più da destinare per la detassazione dei premi di produttività tra il 2014 e il 2015.

Stop anche al blocco del turn over, deciso dalla spending review, per il comparto sicurezza, forze armate e soccorso pubblico. Salgono dal 20% al 50% del personale uscente le nuove assunzioni nel 2013 e nel 2014, mentre salgono al 70% nel 2015.

Via libera poi alle salvaguardie per gli esodati; a una nuova stretta sui falsi invalidi; a nuovi fondi, 250 milioni di euro, per le popolazioni colpite dai fenomeni alluvionali del novembre 2012. Le risorse saranno reperite dal Fondo per la produttività, che passa da 1.200 milioni a 950 milioni per il 2013. Salta, invece, l’operazione cieli bui: il provvedimento stato stralciato per questioni di sicurezza in quanto prevedeva lo spegnimento parziale dell’illuminazione notturna nei centri abitati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il