BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto chiusa ma in arrivo Decreto Monti per tenerla aperta. Tutte le ultime notizie

In arrivo decreto per l’Ilva: domani incontro tra governo, sindacati ed enti locali



Fino al pronunciamento del riesame sul ricorso contro l'ultimo provvedimento giudiziario, lo stabilimento dell’Ilva non ricorrerà alla cassa integrazione annunciata nei confronti di 1942 operai dell'area a freddo, che usufruiranno delle ferie o comunque rimarranno a carico dell'azienda.

Ad annunciarlo è stato il dirigente del Personale Enrico Martino. Oggi si terrà il consiglio di amministrazione dell'Ilva ed è confermato per oggi l'incontro tra azienda e sindacati, già programmato per discutere della cassa integrazione annunciata per 1.942 dipendenti, prima della nuova bufera giudiziaria.

Domani, giovedì, è fissato invece un incontro tra governo, sindacati ed enti locali a Palazzo Chigi. “Quello di domani non sarà un incontro interlocutorio. Contiamo di uscire con un provvedimento, lavoriamo a un decreto per l'applicazione dell'Aia” ha detto il ministro dell'Ambiente Clini sull’Ilva.

“Stiamo lavorando con Monti e i ministri ad una soluzione per l'applicazione dell'Aia, unica strada per il risanamento”. Clini ha poi aggiunto che “le normative nazionali ed europee stabiliscono che per l'esercizio di questo tipo di impianti è necessaria l'Aia che è l'unico documento legale che ne regola l'attività. Il problema, oggi, è creare le condizioni di agibilità per cui l’azienda possa rispettarla rigorosamente.

Io e il Governo andiamo avanti per impedire che si crei situazione per cui non si rispetti la legge e per coniugare lavoro e salute”. Intanto il premier Monti ha illustrato al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, due soli articoli per neutralizzare il sequestro e far ripartire l’acciaieria: è la prima bozza del decreto legge per l’Ilva che il governo si appresta a varare venerdì.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il