BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Figli naturali e legittimi: le novità con approvazione decreto legge per uguali diritti. Cosa cambia

Diritti uguali per tutti i figli: la nuova legge



I figli di coppie di fatto godranno d’ora in poi degli stessi diritti di figli di coppie sposati: anche in Italia, dunque, i figli naturali sono equiparati ai figli legittimi, nati all'interno del matrimonio. Il decreto è diventato legge alla Camera con 366 favorevoli, 31 contrari, 58 astenuti.

“Finalmente, dopo anni di discussione, è stata approvata una legge che costituisce un importante punto di innovazione: non esistono più i figli con aggettivi, cioè legittimi o naturali, ma i figli sono tutti uguali. È una nuova civiltà giuridica. Questo è uno di quei passi in avanti che fanno entrare il nostro Paese in un'altra epoca storica”, ha detto la senatrice Pd Vittoria Franco.

Secondo la nuova legge, è la parentela il vincolo tra le persone, che discendono da uno stesso stipite, sia nel caso in cui la filiazione sia all'interno del matrimonio, sia nel caso in cui è avvenuta al di fuori di esso, sia nel caso in cui il figlio è adottivo.

Il figlio nato fuori del matrimonio può essere riconosciuto dalla madre e dal padre anche se già uniti in matrimonio con altra persona all'epoca del concepimento e il riconoscimento può avvenire tanto congiuntamente quanto separatamente. La legge riconosce, inoltre, ai figli naturali un vincolo di parentela con tutti i parenti e non solo con i genitori e ciò significa che in caso di morte dei genitori può essere affidato ai nonni e non dato in adozione come accade oggi.

Il figlio ha diritto, inoltre, ad essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni e ha diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti. In caso poi di controversie tra i genitori, dei procedimenti di affidamento e mantenimento dei figli, si occuperà, d'ora in avanti, il Tribunale ordinario.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il