BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni aziendali 2012-2013 migliori con interessi fino al 5%. Le più sicure anche senza rating

Obbligazioni aziendali: offrono buoni rendimenti ma meglio quelle senza rating. I motivi



Si può scegliere di investire oggi in obbligazioni aziendali, sicuri di un guadagno da ottenere ma facendo attenzione a scegliere quelle giuste. E senza rating. Secondo un'attenta analisi di Corriereconomia, infatti, osservando bene si può incorrere in occasioni interessanti, questo per lo meno quanto emerge da una ricerca condotta dalla società di investimento indipendente Consultique Sim, che ha individuato alcune emissioni italiane, tra cui Pirelli, Prysmian, Campari, Mediaset, e alcune estere, come Seb, Air France, Celesio Finance, Porsche.

Si tratta di obbligazioni che sebbene prive di rating possono essere ottimali anche per un investitore privato Prendendo in considerazione, per esempio, il caso Mediast, per le scadenze di quattro-cinque anni, il rendimento oscilla intorno al 5,42% di Mediaset mentre siamo intorno 4,4% per Air France.

Marcello Ferrara, analista e strategist del mercato obbligazionario di Consultique Sim, spiega che “Più che il rendimento, nel caso delle emissioni prive di rating ma di buona qualità, è importante osservare l'andamento delle quotazioni, che nei momenti di stress dei mercati si sono rivelate in molti casi decisamente più stabili di quelle dei titoli di Stato di pari durata”.

E sono molte, sempre secondo Corriereconomia, le obbligazioni societarie prive di rating entrate nei portafogli degli investitori, sia privati che istituzionali, come elemento di diversificazione del rischio e come stabilizzatore, soprattutto perchè percepite come più sicure rispetto ai titoli di Stato.

La mancanza di rating per queste obbligazioni dipende dal fatto che la richiesta di attribuzione del rating comprta un costo per l'azienda che ne fa richiesta, per cui si preferisce, soprattutto oggi, risparmiare il costo di 100-200 mila euro che la richiesta di un rating comporta per l'azienda.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il