BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Dipendenti pubblici: taglio di altri 3.300 nel 2013. No a rinnovo sicuro precari scuola, sanità e PA

No a stabilizzazione di massa: l’annuncio del ministro Patroni Griffi



“Sono 260.000 i precari nella PA considerate tutte le forme di flessibilità ma non è possibile pensare a una stabilizzazione di massa”: così il ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi, che ha spiegato che ci sono 130.000 precari nella scuola, 115.000 nella sanità e enti locali e 15.000 nelle amministrazioni centrali”.

E ha poi specificato che “Non si può pensare a una stabilizzazione di massa sarebbe contro il dettato costituzionale e annullerebbe la possibilità di entrata nelle amministrazioni pubbliche dei giovani”.

Il ministro ha spiegato la strategia di breve periodo del governo, che punta innanzitutto a mandare a regime una norma già varata dal precedente Governo, con una riserva di posti costante nei concorsi ad esame per il personale, con contratti a termine, che abbia maturato esperienza triennale nella Pa, e ha poi annunciato che si sta anche lavorando per dare la possibilità alle varie amministrazioni di rinnovare i contratti di lavoro a termine anche oltre il termine dei 36 mesi previsto, sulla base di criteri definiti in sede di accordo collettivo.

Si prevede, però, nel 2013 un ulteriore taglio delle piante organiche di 3.300 impiegati durante una audizione alla commissione Lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il