BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esuberi dipendenti pubblici: 7000 nel 2013. Rinnovo contratto precari non automatico

Rinnovi contratti precari ancora in gioco: sale il numero degli esuberi nelle PA



Salgono a 7000 i dipendenti pubblici in esubero che dovranno essere ‘tagliati’ nel prossimo 2013. Sale la tensione, crescono i timori, nonostante il ministro della Pubblica Amministrazione, Filippo Patron Griffi, abbia assicurato che “Per gli eventuali esuberi nel pubblico impiego useremo anche la mobilità ma é l'ultimo degli strumenti”.

Il ministro ha spiegato che gli strumenti che verranno utilizzati saranno innanzitutto la mobilità volontaria, poi i contratti di solidarietà e per le eccedenze residue la mobilità per due anni.

Il numero degli eventuali tagli comprenderebbe 3.100 nei ministeri, 58 dirigenti di prima e seconda fascia, 140 impiegati negli enti di ricerca, senza contare coloro che saranno ‘tagliati’ dei due grandi enti previdenziali, Inail e Inps.

Dunque, gli esuberi nelle pubbliche amministrazioni dovrebbero arrivare a circa 7.300 in totale in base ai tagli previsti dalla spending review. Il ministro della Funzione Pubblica, Patroni Griffi, ha inoltre annuncia un ulteriore taglio delle piante organiche di 3.300 impiegati, oltre alle 4.028 eccedenze emerse dal primo decreto.

E sarà impossibile, sempre secondo quanto annunciato dal ministro, “pensare ad una stabilizzazione di massa per i 260mila precari della Pubblica amministrazione». Perché «sarebbe contro il dettato costituzionale e annullerebbe la possibilità di entrata nelle amministrazioni pubbliche dei giovani”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il