BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Berlusconi si candida alle elezioni 2013 con Popolo della Libertà e Pdl. I motivi e gli scenari

Berlusconi si ricandida: che succederà?



Silvio Berlusconi, contrariamente a quanto annunciato settimane fa, torna di nuovo in campo e annuncia la sua prossima candidatura. Dopo aver diverse volte annunciato di voler togliere la fiducia al governo tecnico, Berlusconi ha leteralmente fatto finire al banco degli imputati questo stesso governo dicendo: “La situazione oggi è ben più grave di un anno fa quando lasciai il governo per senso di responsabilità e per amore del mio Paese.

Anzi, oggi l'Italia è sull'orlo del baratro. L'economia è allo stremo: un milione di disoccupati in più, il debito che aumenta, il potere d'acquisto che crolla, la pressione fiscale a livelli insopportabili.

Le famiglie italiane angosciate perché non riescono a pagare l'Imu. Le imprese chiudono, l'edilizia crolla, il mercato dell'auto è distrutto” E poi afferma: “Non posso consentire che il mio Paese precipiti in una spirale recessiva senza fine. Non è più possibile andare avanti così”.

La sua candidatura prospetterebbe una nuova sfida tra il Cavaliere e il leader del Pd Bersani, già scontratisi diverse volte, segno, forse, che il mondo politico italiano sembra in stallo, incapace di affidarsi a forze nuove, o che probabilmente queste forze nuove, in realtà, non esistono e allora si gira e rigira sempre tra le stesse personalità che, per quanto profuse in un impegno per il Paese, come predicano, non sono in grado di rinnovarsi ogni volta al punto tale da attuare quelle riforme e quelle novità necessarie per un’inversione di rotta nell’andamento politico-economico del Paese

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il