BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esame avvocati 11-12-13 Dicembre 2012: le tracce possibili per la prova scritta

Tracce papabili per lo svolgimento della prima prova dell’esame d’Avvocato: quali potrebbero essere



Sono in programma i prossimi 11, 12 e 13 dicembre le prove scritte per l’esame di avvocato 2012. Tre le prove da superare: si parte dalla prima prova scritta, incentrata sul parere civile; per arrivare alla seconda prova sul parere penale; fino alla terza che sarà un atto a scelta tra civile, penale e amministrativo.

Diversi i consigli dati per redigere il parere in maniera corretta senza incorrere in alcuni errori, purtroppo tra i più frequenti. Il parere è l’atto con il quale l’avvocato si pronuncia su una specifica questione legale che gli è sottoposta e per svolgerlo al meglio la prima regola da seguire è la chiarezza, l’atto deve essere scritto in modo comprensibile e semplice, per cui, meglio redigere il parere con una calligrafia leggibile. Meglio poi scrivere sempre in forma indiretta.

Gli errori più comunemente riscontrati sono quelli concettuali, quelli ortografici e di grammatica. Il consiglio è quello di presentarsi all’esame muniti di vocabolario della lingua italiana e dei sinonimi e contrari.

Tra gli errori da evitare, poi, quelli inerenti al contenuto del parere: dimostrare una conoscenza confusa o sommaria dell’argomento o esporlo in maniera inadeguata, compromette il buon esito della prova.

Meglio, inoltre, non utilizzare la prima persona singolare ma la terza persona singolare, perché ciò che interessa ai commissari non è il parere personale del candidato, ma le critiche giuridiche a quelle tesi.

Tra meno di due giorni migliaia di aspiranti avvocati si cimenteranno con le prove scritte dell’esame di Stato e intanto cercano di sapere le possibili tracce che saranno sottoposte.

Tra le papabili che potrebbero diventare oggetto d’esame, la sentenza numero 947/2012 in tema di transazioni; la sentenza numero 1480/2012 che si rifà alla vendita con dolo; o anche la sentenza della Suprema Corte del 2012 che ha chiarito le idee in relazione alla responsabilità solidale di natura passiva che è concepita e prevista dal legislatore a garanzia del creditore. Papabile anche la sentenza numero 4184/2012 riguardante il matrimonio con persone del medesimo sesso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il