BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto abolizione province: se non viene approvato a rischio strade, scuole e comuni

Dl Province: necessaria approvazione altrimenti grossi problemi



Se non venisse approvato il dl sulle Province si arriverebbe ad una lievitazione dei costi a carico di Comuni e Regioni e al blocco della riorganizzazione periferica dello Stato: questi i rischi cui andrebbero incontro i Comuni di Italia secondo quanto emerge da uno studio del dipartimento delle Riforme del ministero della Funzione Pubblica.

La mancata approvazione del dl comporterebbe, infatti, dubbi sulle competenze di lavoro, da quelle che riguardano le strade, alle scuole, ai rifiuti alla pianificazione territoriale.

In assenza dell'approvazione del dl sulle province non si otterrebbero quei risparmi importanti che erano stati stimati nella spending review dai 300 ai 500 milioni l'anno, a regime, e renderebbe problematico l'avvio, a gennaio 2014, delle città metropolitane perché il sistema delle regole contenuto nell'articolo 18 della spending non sarebbe completo.

Le città metropolitane resterebbero, infatti, solo sulla carta e il loro funzionamento sarebbe ostacolato dalla mancanza di definizione del sistema elettorale del consiglio metropolitano. Sarebbero incerti i rapporti tra sindaco del comune capoluogo e sindaco metropolitano.

Tra le conseguenze della non approvazione, oltre ai mancati risparmi che si sarebbero ottenuti con la riduzione delle Province, anche, come accennato, una lievitazione dei costi a carico dei Comuni e soprattutto delle Regioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il