BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola: test il 17-18 Dicembre ma proteste crescono. I motivi e le iniziative

Proteste e malcontenti concorso scuola 2012: cosa sta succedendo



Le prove di preselezione del concorso della scuola 2012 si svolgeranno lunedì 17 e martedì 18 dicembre, esclusivamente online e i candidati potranno conoscere l’esito del loro esame non appena terminato.

Saranno in tutto 50 i quesiti a risposta multipla sottoposti al candidato che dovrà svolgerli in 50 minuti. Solo chi supererà a prova, che somministrerà domande di logica e per verificare competenze digitali e linguistiche del candidato, potrà accedere alla successiva prova scritta che si svolgerà poi a febbraio 2013 e consisterà in una prova di verifica delle competenze disciplinari con domande su argomenti specifici.

Le prove d’esame si concluderanno alla fine di luglio 2013. Ma intanto le proteste crescono, soprattutto a causa dell'esercitatore ha messo online dal Ministero dell'interno e che non è piaciuto quasi a nessuno.

L'esercitatore, infatti, non prevede che vengano poi rese note le risposte esatte ai quiz, lasciando, dunque, sempre nel dubbio su a quali domande si è risposto correttamente e a quali no.

E sono in programma due proteste per il prossimo 13 dicembre: la prima si svolgerà proprio davanti la sede del Miur e davanti agli Uffici Scolastici regionali e le Prefetture di tutta Italia, intorno alle 10 del mattino, è stata indetta da FCL CGIL, e avrà come tema gli interventi normativi degli ultimi mesi apportati alla scuola: legge di stabilità, circolari, ridimensionamento, spending review, operazioni di inizio anno scolastico.

La seconda protesta si svolgerà sempre nella stessa data e sempre davanti alla sede del Miur, qualche ora più tardi, intorno alle 15, indetta questa volta dal Coordinamento scuole Roma per poter boicottare il concorso in programma. Il motivo del boicottaggio si basa sul fatto che questo concorso sottopone a selezione i lavoratori che già sono precari e arriva contemporaneamente ai tagli iniziati dalla Gelmini e continuati da Profumo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il