Richiesta la rivalutazione dello yuan, possibilità di un deprezzamento del dollaro

Nel corso delle prossime settimane potrebbe aprirsi un nuovo fronte di interesse per i mercati finanziari.



Nel corso delle prossime settimane potrebbe aprirsi un nuovo fronte di interesse per i mercati finanziari.

Nel fine settimana infatti il Gruppo dei Sette ha chiesto a Pechino una maggiore flessibilità del cambio con la finalità di ridurre gli squilibri mondiali. A queste pressioni si aggiungono le parole del ministro delle Finanze russo Alexei Kudrin secondo il quale il dollaro è una moneta troppo volatile per essere considerata una riserva valutaria assoluta o universale e che ovviamente aumenta le speculazioni riguardo lo spostamento delle riserve delle banche centrali al di fuori del dollaro.

Se da un lato una rivalutazione dello yuan, la moneta cinese, potrebbe permettere i dovuti aggiustamenti nel commercio globale in generale, ed una riduzione del deficit americano nei confronti della Cina in particolare, dall’altro una fase di debolezza del dollaro potrebbe danneggiare la borsa Usa (facendo temere un nuova ondata di rialzi dei tassi di interesse da parte della FED, che attualmente sembra invece contenta dei valori dei tassi raggiunti). Inoltre le richieste del G7 potrebbero avere, ed in parte lo hanno già avuto, effetti sullo yen giapponese. L’apprezzamento dello yen potrebbe avere effetti negativi sulle aziende nipponiche che esportano negli Usa e che si vedrebbero penalizzate. Per via delle correlazioni tra le diverse monete un rialzo dello yen sul dollaro comporterà poi un apprezzamento anche dell’euro sulla moneta Usa, movimento che rischia di appesantire la fragile ripresa europea.

E come sempre quando lo yen inizia ad oscillare si fanno subito sentire le voci di esponenti ufficiali, in questo caso è stato il ministro delle Finanze Koichi Hosokawa che ha detto di guardare con "serio interesse" ai movimenti del forex.

Grande attenzione quindi vero il mercato dei cambi, con preoccupazioni di un riversamento negativo della situazione del forex sui mercati azionari in caso di superamento di area 1,25 da parte di euro dollaro.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il