BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tobin Tax: tassa su azioni e obbligazioni da marzo 2013 in Italia. Quanto si paga e come funziona

Debutto a marzo 2013 la Tobin Tax: come funziona



La Tobin tax, dal nome del premio Nobel per l’economista James Tobin, che la propose nel 1972, è una nuova tassa che andrà a colpire tutte le transazioni sui mercati valutari per stabilizzarli penalizzando le speculazioni valutarie a breve termine,ai quei tempi non esistevano gli strumenti derivati, e contemporaneamente per procurare entrate da destinare alla comunità internazionale.

La tassa si applicherà sui prodotti derivati Over The Counter, cioè non quotati sui mercati regolamentati, e potrà esser pari fino a un massimo di 100 euro nel caso in cui il nozionale sottostante sia superiore a 1 milione.

La Tobin Tax sui derivati si pagherà in misura fissa determinata con riferimento alla tipologia di strumento e al valore del contratto. La Tobin Tax debutterà a marzo 2013 insieme ad una nuova imposta antispeculativa sui sistemi di trading ad alta frequenza.

L'aliquota dell'imposta sulle transazioni finanziarie che si applicherà sulle transazioni di Borsa in azioni e strumenti finanziari partecipativi sarà pari allo 0,12% nel 2013 e allo 0,1% nel 2014.

Nel caso di azioni negoziate in mercati non regolamentati (over the counter), l'aliquota da marzo a dicembre 2013 sarà dello 0,22% e dello 0,2% dal 2014. Saranno esenti market maker e le transazioni in Borsa di azioni emesse da società con capitalizzazione inferiore a 500 milioni di euro.

Se il nozionale supera 1 milione di euro allora lo Tobin Tax su utures, warrants, certificates, covered warrants e contratti di opzione su azioni e swaps su azioni potrà avere un valore massimo di 100 euro. A cascata nel caso in cui il nozionale non arrivi a 2500 euro allora la Tobin sugli stessi tipi di contratti che abbiamo prima elencato sarà pari a 12,5 cent di euro. Nel caso di contratti derivati non relativi ad azioni la Tobin può arrivare fino a un massimo di 20 euro se il contratto derivato ha un nozionale superiore a 1 milione di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il