BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Borse e obbligazioni 2013: più azioni meno bond secondi previsioni gestori

Puntare sull’azionario: il consiglio per il 2013



Si sta per chiudere un anno catastrofico dal punto di vista economico, non solo per l’Italia, ma globale, e il nuovo 2013 si apre pieno di dubbi e difficoltà da risolvere.

A partire dal futuro scenario che potrebbe prospettarsi: secondo un’indagine riportata dal Sole 24 Ore, in cui sono stati interpellati alcuni gestori, nel 2013 aumenterà la volatilità dei portafogli, ma l'unico modo per avere un reddito interessante sarà puntare sull'azionario.

Questo quanto sostiene Tommaso Federici, responsabile gestioni di Banca Ifigest, secondo cui “Sulle obbligazioni, con i tassi vicini a zero anche nel 2013, non c'è più molto da raschiare. Invece la parte azionaria è quella dalla quale ci aspettiamo i maggiori guadagni, soprattutto da quotate con elevato flusso di cassa, alti dividendi e regolarità nel pagamento delle cedole. Inoltre restano interessanti le prospettive dei listini spagnolo e italiano, oggi ancora sacrificati nella valutazioni”.

E in Borsa saranno principalmente i settori del lusso e delle esportazioni a primeggiare. Bene faranno anche anche i finanziari (assicurazioni e banche) che hanno grandi portafogli obbligazionari e sono riuscite a migliorarne la qualità negli ultimi trimestri.

E sulle prospettive macroeconomiche: “Secondo me l'Italia potrebbe riservare una bella sorpresa, nel senso che nel 2013 potrebbe rivelarsi il motore dello sviluppo continentale.

Nel 2012, la stretta creditizia e la riduzione della spesa pubblica ci hanno ridotto a uno stato tale che avere contenuto l'arretramento del Pil al 2% appare perfino un miracolo. Ma nel 2013 l'allentamento della stretta creditizia, con la ripresa del ciclo degli investimenti e della ricostituzione delle scorte, potrebbe dare un grande impulso alla crescita. Anche se sarà più basata sulla spesa delle aziende che su quella delle famiglie”.

Allargando lo sguardo al resto del mondo, “Se in America la questione del fiscal cliff sarà gestita bene, il 2013 a Wall Street può iniziare bene. E a breve mi aspetto un miglioramento anche in Cina e in Brasile”.


Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il