BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola al via ma problemi politici e Unione Europea potrebbero bloccarlo

Al via il concorsone per 321mila aspiranti professori: i problemi



Partono oggi le prime prove del concorsone 2012 per la scuola: si tratta del primo concorso completamente informatizzato per 321.210 mila candidati, ma dopo comunicazioni, rettifiche, novità, aggiornamenti e proteste da parte dei professori chiamati a vigilare sul suo svolgimento ma pagati decisamente poco per ciò che dovrebbero fare, oggi si prospetta un altro grosso problema.

Le modalità della preselezione hanno destato non poche perplessità, soprattutto per l’innovazione del test computer-based, da svolgere cioè integralmente davanti ad un pc.

Questa novità non è stata, infatti, ben accolta né dai docenti né dai sindacati perché l’informatizzazione crea sempre disagi e difficoltà, come già accaduto con le 3500 domande, che costituivano il bacino dal quale sarebbero state prelevate le 50 del test ufficiale.

Ed anche l’Ue non cede di buon occhio questa organizzazione del test: dopo la miriade di petizioni e ricorsi presentati dai docenti precari italiani, la Commissione europea ha aperto una procedura di infrazione contro l’Italia proprio sui numeri esorbitanti dei lavoratori nella scuola con contratto a tempo determinato che, secondo la stessa Ragioneria dello Stato, sono oltre 130mila sul totale dei 260mila precari che lavorano per la pubblica amministrazione.

Tra i 130 mila rientrano anche gli insegnanti con un solo giorno di supplenza, docenti con numerose abilitazioni che vengono assunti a settembre e licenziati a giugno per molti anni consecutivamente e questa gestione degli organici contraddice la direttiva europea 1999/70 che disciplina anche alle pubbliche amministrazioni di assumere i lavoratori che hanno svolto almeno 36 mesi di servizio in cinque anni.

Senza considerare i problemi politici interni all’Italia che potrebbero rischiare di bloccare il maxi-concorso, probabilmente a causa dei cambiamenti che si prospettano per la prossima primavera, periodo in cui si svolgeranno le successive prove.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il