BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità: oggi martedì 18 dicembre approvazione misure ufficiali. Le ultime notizie

Oggi voto sulla Legge di Stabilità



Potrebbe slittare l'approvazione da parte della Commissione Bilancio del Senato della Legge di Stabilità: ad allungare i tempi è la questione relativa ai Comuni e al vaglio ci sarebbe un ulteriore miglioramento delle misure, come richiesto dall'Anci che vorrebbe portare la riduzione dei tagli a loro carico per il 2013 da 250 a 500 milioni di euro.

Un emendamento presentato dai relatori Giovanni Legnini e Paolo Tancredi (Pdl) prevede che le risorse per Comuni e Province salgano a 1,250 miliardi, di cui un miliardo di allentamento al patto di stabilità interno e 250 milioni di minori tagli. I fondi aumentano rispetto agli 850 milioni previsti nel testo presentato sabato.

Da votare anche l'emendamento con il milleproroghe. Previsto poi il via libera al rinvio di un anno del trasferimento delle competenze dalle Province ai Comuni: è stato approvato un emendamento dei relatori che sospende le norme dei decreti legge Salva Italia e Spending review. Congelata la costituzione delle Città metropolitane prevista nella Spending review; via libera anche al congelamento delle elezioni per un anno. 

Per quanto riguarda le popolazioni colpite dal terremoto, nelle zone di Emilia Romagna, Lombardia e Veneto colpite dall'ultimo terremoto le imprese che non hanno avuto un danno materiale, ma hanno comunque subito una significativa diminuzione del volume d'affari nel periodo giugno-novembre 2012, avranno accesso ai mutui garantiti dallo Stato per il pagamento di tasse e contributi.

Dovrebbe essere rimandata di tre mesi la nuova Tares, tassa sui rifiuti. Spunta poi una proroga per le nuove norme volte a impedire pratiche di esercizio abusivo del servizio di taxi e del servizio di noleggio con conducente: a prevederlo un emendamento presentato in commissione Bilancio al Senato dai relatori alla Legge di Stabilità.

Slittano anche i tempi per la definizione degli indirizzi generali per l'attività di programmazione e di pianificazione delle regioni, ai fini del rilascio, da parte dei Comuni, delle autorizzazioni.

Tra le principali novità previste le modifiche all’Imu, la nuova imposta sulla casa che da quest’anno ha sostituito la vecchia Ica. Secondo quanto comunicato, dal 2013 l’intero suo importo andrà nelle casse dei Comuni e non più per metà in quelle dello Stato.

In seguito a questa decisione si è anche stabilito che sulla seconda casa l’aliquota massima possibile scende dall’attuale 1,06% allo 0,96%. Novità anche per quanto riguarda la ricongiunzione delle pensioni, che tornerà gratuita, come avveniva in precedenza, sempre che il passaggio sia avvenuto entro il 30 luglio 2010.

Per gli altri, invece, rimarrà in vigore il ricongiungimento oneroso, che potrebbe costare molte decine di migliaia di euro. Modifiche anche nel mondo delle rc auto: salta la tolleranza di 15 giorni prevista dal Codice civile ma sarà comunque garantita una copertura per i 15 giorni successivi al termine della polizza.

Slitta poi di un anno, dal 2013 al 2014, l’obbligo per cui le scuole di libri di testo digitali; i medici di base saranno tenuti obbligatoriamente a indicare sulle ricette il nome del principio attivo del medicinale che prescrivono; e coloro che vantano un debito con il fisco fino a 2.000 euro, compresivi di capitale, interessi di mora e sanzioni e che risultano iscritti a ruolo fino al 31 dicembre del 1999, si vedranno automaticamente annullare il proprio onere. Via libera anche alla possibilità di acquistare biglietti dei mezzi pubblici attraverso il proprio telefono cellulare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il