BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund in calo a 320.Elezioni 2013, Berlusconi, Mario Monti e contrasti per analisi Moody's

Moody’s: ‘conseguenze limitate dalle turbolenze politiche italiane’



Le turbolenze politiche in Italia hanno conseguenze limitate sull'affidabilità creditizia del Paese secondo Moody's, secondo cui è essenziale mantenere le riforme strutturali e il consolidamento di bilancio.

“Ci aspettiamo che il prossimo governo mantenga gli elementi chiave della legge di stabilità”. Secondo il 'Credit Outlook' dell'agenzia di rating, il grosso dell'agenda di Monti, in particolare la riforma del mercato del lavoro e le liberalizzazioni dei servizi, è già stato approvato dal Parlamento. Moody's si aspetta anche che la legge di stabilità 2013 riceva il via libera parlamentare sulla base dell'impegno del Pdl.

E in base ai sondaggi, lo scenario più probabile, quello di una vittoria del Pd con Pier Luigi Bersani presidente del Consiglio, non preoccupa gli analisti. In questa prospettiva, Moddy’s sostiene “ci aspettiamo che mantenga un'agenda orientata alle riforme”, ottimismo che crescerebbe ancor di più se dovesse avverarsi la possibilità di un nuovo esecutivo tecnocratico con la partecipazione del premier uscente Mario Monti.

Intanto Il differenziale di rendimento tra Btp decennali e Bund tedeschi scende di nuovo 330 punti, mentre il rendimento del decennale è al 4,62%. Stabile anche lo spread Bonos/Bund, a 404 punti con il rendimento al 5,36%.

Venerdì scorso lo spread Btp-Bund aveva chiuso attorno ai 322 punti base, mentre lunedì, alla riapertura dei mercati, era schizzato al rialzo fino a toccare quota 362 punti base.

Ed è stata buonissima la risposta all'asta dei Btp: il Tesoro ha, infatti, venduto tutti i 3,5 miliardi di euro del nuovo Btp a 3 anni con tassi ai minimi da ottobre 2010. Il rendimento medio è sceso al 2,50% dal 2,64% dell’asta del 14 novembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il