BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund a 303 punti in calo. Grecia e rating più alto alzato da S&P tra i motivi

Cala di nuovo lo spread: merito anche della ripresa della Grecia



Atene passa da selective default a B- grazie al successo del buy back sul debito: a dirlo è l'agenzia di rating Standard &Poor's che rialza il rating della Grecia a B- da selective default.

A pesare il successo del buy back sul debito di Atene. In un comunicato, l'agenzia di rating ha spiegato che la revisione al rialzo riflette la nostra opinione della forte determinazione degli stati membri dell'Unione Economica e Monetaria europea (eurozona) a tutelare la presenza della Grecia nell'eurozona.

La decisione sulla Grecia era attesa dopo il successo del buyback, cioè l’operazione di riacquisto del debito greco da parte della stessa Atene e l’arrivo dei primi aiuti internazionali.

Proprio domani, 19 dicembre, si concluderà il versamento della tranche di aiuti da 34,3 miliardi di euro da parte dei creditori internazionali. Allo stesso tempo, però, l‘Institute of International Finance avverte che sulla situazione economica della Grecia restano rischi importanti, anche per la coesione sociale messa a dura prova dalle nuove misure di austerity.

Intanto lo spread italiano sfiora quota 300 punti base, segnando in chiusura di seduta 304 punti. Il tasso di rendimento sul Btp è arrivato al 4,45%, vicino ai minimi degli ultimi due anni.

Ma, secondo quanto comunicato da Moody’s ieri, le turbolenze politiche in Italia hanno conseguenze limitate sull'affidabilità creditizia del Paese ma sempre secondo Moody's è essenziale mantenere le riforme strutturali e il consolidamento di bilancio. “Ci aspettiamo che il prossimo governo mantenga gli elementi chiave della legge di stabilità”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il