BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Previsioni Borse e azioni 2013

Chiusura 2012: come andrà il mercato azionario nel 2013? Previsioni



Alle soglie della fine del 2012 ci che si può dire sul prossimo 2013 è che si tratterà certamente di un anno caratterizzato da molte incertezze ed è proprio in questo quadro di incertezze che cercano di muoversi gli analisti per prevede l’andamento di Borse e azioni.

In questi ultimi giorni, dopo i clamorosi rialzi prima e ribassi poi dello spread tra Btp italiani e Bund tedeschi, sembra che l’andamento delle Borse sia tornato positivo. Il futuro dipenderà dall’andamento dei piani di risanamento europei e i rischi, anche di tenuta sociale, provenienti dalla Grecia e dagli altri Paesi periferici; dalle tensioni geopolitiche in Medio Oriente; dai piani che saranno messi in atto in Usa da Barack Obama.

Intanto, Morgan Stanley che si occupa di Wall Street, vede futuri rallentamenti e una frenata delle stime sulla crescita degli utili, che è in realtà già in corso. L'andamento del mercato azionario e obbligazionario privato, dipenderà comunque da numerose variabili, tra cui senz’altro l’evoluzione delle trattative sul Fiscal Cliff.

In generale, tuttavia si dovrebbe assistere allo spostamento degli investimenti dall’obbligazionario all’azionario, perché con il venire meno del rischio di caduta dell’Eurozona, gli operatori saranno più propensi al rischio.

Anche Jim Leaviss, Head of Retail Fixed Interest in M&G Investments, sostiene che i segnali di un quadro più positivo stiano cominciando ad emergere e che il 2012 sia stato un anno buono per coloro che investono sui mercati obbligazionari. Inoltre, se le tensioni sui debiti sovrani dovessero allentarsi, le probabilità di ripresa del comparto saranno decisamente più alte.

In generale, comunque, con molta cautela si potrebbe azzardare a parlare di un calo più marcato degli spread periferici e una ripresa delle borse, a parità di scenario geo-finanziario di questi ultimi mesi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il