BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Investimenti 2013 Paesi Emergenti come Cina e India: previsioni e analisi

Cina, India e Paesi emergenti: perché puntare ancora oltreoceano



La Cina frenerà e l’India correrà: il 2013 si apre all’insegna di crescita e ribassi per i Paesi emergenti, quelli che  in questo 2012, al contrario delle vecchie grandi economie come quella di un’Europa ormai in caduta libera e un’America in fase di incertezza, sono riusciti a crescere e produrre. Ma anche a loro il 2013 porterà diversi cambiamenti.

Ma in realtà, secondo un’analisi di Corriereconomia, le performance deludenti di alcune borse asiatiche e del listino cinese in particolare, non rispecchiano poi una situazione così negativa.

Secondo Andrew Swan, responsabile dell'azionario per l'area asiatica (con l'esclusione del Giappone) del colosso statunitense del risparmio gestito BlackRock, “è il momento di stare molto attenti all'andamento del listino di Hong Kong perché quando scoppierà la bolla immobiliare, ormai matura, anche la borsa soffrirà per la fine di un lungo periodo di euforia.

Nonostante i buoni recuperi degli ultimi tre anni, dopo un biennio molto critico nel 2008 e nella prima metà del 2009, in media i titoli azionari dei paesi asiatici non sono sopravvalutati e registrano un rapporto prezzo/utili medio di circa 11 volte, contro una media storica di lungo periodo di circa 12,5 volte”.

Inoltre, secondo il gestore, l'economia cinese offre ancora margini di guadagno importanti per gli investitori, soprattutto nei settori legati al consumo interno.

Ecco perché, nonostante le cose non più proprio buonissime, è buono ancora puntare sulla Cina. Swan, inoltre, intravede le maggiori possibilità di incremento delle quotazioni nei settori legati alle infrastrutture, ai consumi, e a Internet e ai social network, con società come Weibo.com.

Meglio della Cina però fa l'India: secondo Swan, in India piace il settore finanziario e il comparto della salute, con società come Apollo Hospitals. Infine, terzo polo di sviluppo, i mercati dell'Asean, con in testa le Filippine, la Malesia e l'Indonesia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il