BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Affitto casa più conveniente nel 2013 che comprarla per spese e tasse IMU e Tarsu

Comprare una casa oggi? Non conviene. Meglio affittarla



Tra nuova Imu, Tarsu e nuova Tares, il prossimo 2013 conviene più affittare che comprare una casa: ma non è tuttavia solo l'Imu a creare dubbi sull'opportunità, in questa fase, di effettuare un investimento nel mattone.

Secondo quanto riportato da Corriereconomia, infatti, le previsioni degli operatori del settore non parlano di alcuna indicazione di stabilità o men che meno di ripresa dei prezzi. E per fare un esempio di quanto costi oggi acquistare una casa, Corriereconomia ha preso come riferimento una casa in una buona zona residenziale di Milano o di Roma, che costa 280 mila euro.

Per una casa da 280 mila euro vanno messe in conto ulteriori spese per 5 mila euro, che comprendono le imposte agevolate e il notaio. Il valore dell'investimento va quindi computato in 285 mila euro.

Il costo reale dell'acquirente è dato dagli interessi sulla somma che vengono persi negli otto anni (per tutti e quattro i casi li abbiamo considerati pari al 25% complessivo della spesa), più le spese di manutenzione straordinaria dell'immobile, che invece l'investitore non pagherebbe se andasse in affitto.

In questo caso dopo otto anni l'acquirente otterrebbe un vantaggio se riuscisse a rivendere la casa ad almeno 284 mila euro. In pratica gli basterebbe non perdere sul valore iniziale dell'immobile.

Ne risulta alla fine che comprare oggi una casa come mero investimento che potrebbe rendere nel lungo periodo risulta un’operazione alquanto rischiosa se si considerano le spese che andranno sostenute prima e la speranza che l’immobile non si svaluti poi in caso di rivendita. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il