BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasse 2013: le novità e cosa cambia

Tares, ivie e tobin tax: le nuove tasse per gli italiani



Tares, Ivie e Tobin Tax: inizia così il 2013, con il debutto di tre nuove tasse che peseranno ancora nelle tasche dei contribuenti italiani, in barba a chi, dopo il macigno dell’Imu sperava in un abbassamento della pressione fiscale che, invece, quest’anno sembra aumenterà.

Secondo le ultime previsioni del governo, infatti, la pressione fiscale salirà dal 44,7% dell'anno appena concluso al livello record del 45,3%. Le nuove tasse guardano soprattutto alla casa e agli investimenti finanziari.

Scatta da subito l'Ivie, l'imposta che si paga sul valore degli immobili all'estero, a marzo sarà poi la volta del debutto della Tobin Tax sulle transazioni finanziarie, mentre ad aprile arriverà la Tares, la nuova tariffa sui rifiuti che assorbirà la Tassa di igiene ambientale.

Si tratta della versione aggiornata della tassa sui rifiuti solidi urbani, e si preannuncia salatissima. La nuova super tassa sui rifiuti prevede il pagamento di 4 rate complessive e toccherà ai Comuni mettere a punto le nuove tariffe.

La Tares sarà sicuramente più cara della Tarsu, perché si tratta di una tariffa, e non di una tassa, vale a dire  un prelievo che copre per intero il costo  che l'amministrazione sostiene per effettuare il servizio di raccolta della nettezza urbana, e perché coprirà il costo anche di altri servizi, come la gestione dei rifiuti, e gli altri cosiddetti servizi indivisibili, come illuminazione pubblica e manutenzione strade.

Anche in questo caso, come per l’Imu, per pagare la Tares ci si potrà servire o dei modelli F24 o dei bollettini postali. A pesare sui portafogli dei contribuenti sarà anche l'Iva che a luglio vedrà l'aliquota salire dal 21 al 22%.

Ma sono in arrivo da fino anche maggiori sconti sui lavori di ristrutturazione (dopo la detrazione scende dal 50 al 36%) e nuovi sconti per i figli a carico. Inoltre, ci si aspetta un calo delle tasse su famiglie e imprese, il cui fondo dovrà essere rimpinguato con la lotta all'evasione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il