BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tobin Tax: tassa su azioni e obbligazioni. Calcolo e come funziona

Arriva la nuova Tobin Tax: come funziona?



Il suo debutto è previsto a marzo e insieme alla nuova tassa sui rifiuti, la Tares, e all’Ivi, tassa sugli immobili posseduti all’estero, rappresenterà la nuova stangata del 2013.

Si tratta della Tobin Tax, nuova tassa che andrà a colpire tutte le transazioni sui mercati valutari per stabilizzarli penalizzando le speculazioni valutarie a breve termine,ai quei tempi non esistevano gli strumenti derivati, e contemporaneamente per procurare entrate da destinare alla comunità internazionale.

La tassa si applicherà sui prodotti derivati Over The Counter, cioè non quotati sui mercati regolamentati, e potrà esser pari fino a un massimo di 100 euro nel caso in cui il nozionale sottostante sia superiore a 1 milione. La Tobin Tax sui derivati si pagherà in misura fissa determinata con riferimento alla tipologia di strumento e al valore del contratto.

La Tobin Tax debutterà a marzo 2013 insieme ad una nuova imposta antispeculativa sui sistemi di trading ad alta frequenza.L'aliquota dell'imposta sulle transazioni finanziarie che si applicherà sulle transazioni di Borsa in azioni e strumenti finanziari partecipativi sarà pari allo 0,12% nel 2013 e allo 0,1% nel 2014.

Nel caso di azioni negoziate in mercati non regolamentati (over the counter), l'aliquota da marzo a dicembre 2013 sarà dello 0,22% e dello 0,2% dal 2014. Saranno esenti market maker e le transazioni in Borsa di azioni emesse da società con capitalizzazione inferiore a 500 milioni di euro.

In particolare, l'aliquota per i mercati regolamentati sarà dello 0,12% (ma 0,1% dal 2014) e per quelli non regolamentati, su cui sarà applicata da luglio, dello 0,22% (0,2% dal 2014) e a pagare il prelievo sarà il soggetto in favore del quale avviene il trasferimento.

Esclusa la finanza etica e i titoli azionari italiani la cui capitalizzazione media nel mese di novembre 2012 è risultata inferiore ai 500 milioni di euro, mentre sarà colpito anche il trading più speculativo, con un'aliquota dello 0,02% sulle negoziazioni ad alta frequenza (high frequency trading).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il