BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2013: la riforma Fornero è in vigore. Cosa cambia

Cosa cambia per le pensioni da questo 2013: le novità



Cambia il mondo delle pensioni da questo gennaio 2013 3 cambiano e età e requisiti per lasciare il lavoro. Ma vediamo cosa cambia con la riforma previdenziale firmata dal ministro Fornero.

Innanzitutto viene esteso a tutti da questo gennaio il sistema contributivo e con la nuova riforma aumenteranno gli anni di contributi per accedere alla pensione anticipatamente e si prevedono disincentivi per chi la richiede prima.

Le pensioni di anzianità crescono di 3 mesi, rispetto al 2012 e così tutti gli uomini e le donne impiegate pubbliche potranno congedarsi dal lavoro a 66 anni e 3 mesi, le donne lavoratrici autonome a 63 anni e 9 mesi, e le donne dipendenti delle aziende private a 62 anni e 3 mesi.

Dal primo gennaio 2013 per accedere alla pensione anticipata poi si dovrà esser soggetti all’adeguamento alla speranza di vita. In particolare chi raggiunge l’età pensionabile a partire dal primo gennaio 2012, può accedere alla pensione anticipata a condizione che risulti maturata un’anzianità contributiva di 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne. 

Tali requisiti sono aumentati di un mese per l’anno 2013 e di un ulteriore mese a decorrere dal 2014, sempre calcolando gli incrementi della speranza di vita a decorrere dal primo gennaio 2013.

I requisiti per l’accesso alla pensione anticipata sono comunque diversi per donne e uomini: per il 2012, ci vogliono per le donne a 41 anni e 1 mese e per gli uomini a 42 e 1 mese; per il 2013 41 anni e 5 mesi per le donne e per gli uomini a 42 anni e 5 mesi; mentre per il 2014, 41 anni e 6 mesi per le donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini.

Per l’accesso alla pensione anticipata bisogna, comunque, rispettare il requisito anagrafico dei 62 anni d’età. Chi vorrà, inoltre, potrà lavorare fino a 75 anni, ottenendo benefici in termini di guadagno, grazie al coefficiente di calcolo della pensione più alto. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il