BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tares: quando e come si paga la tassa rifiuti. Gli aumenti

Debutta la Tares: cos’è e come si paga


Debutta in questo 2013 la nuova Tares sui rifiuti solidi urbani, tassa che si pagherà in 4 rate complessive, le cui tariffe saranno messe a punto dai Comuni e che, secondo le stime, sarà una nuova stangata per i cittadini italiani.

L’arrivo della Tares è stato definito dal decreto Salva Italia, contenente un emendamento che prevede anche che l'applicazione del criterio della superficie catastale per il calcolo della tassa (che molti aspettavano, per un più equo calcolo della tassa), diventi effettiva dopo la riforma del catasto, di cui però al momento non si sa ancora nulla.

La Tares dovrà essere pagata da tutti coloro che occupano o detengono locali o aree scoperte. Per finanziare i servizi indivisibili il Comune applicherà al tributo sui rifiuti una maggiorazione, pari a 30 centesimi (elevabile a 40) al metro quadrato: qualche decina di euro all'anno per abitazioni e negozi, quindi, e un conto più pesante per imprese, uffici, centri commerciali e così via.

Il pagamento della Tares non ricadrà sul proprietario dell’immobile, ma su quelle del residente, e ciò è dovuto al fatto che l’imposta pende su quei servizi ritenuti a domanda individuale, cioè basati solo su chi usufruisce di un tale bene e non chi lo possiede, in teoria anche senza sfruttarlo.

La Tares nasce, dunque, per fornire un copertura completa alle utenze domestiche garantite dai Comuni, riguardando tutti quei soggetti che, in qualsiasi misura, possiedano, occupino o detengano locali atti a produrre rifiuti, ivi inclusi i cosiddetti servizi indivisibili, come la luce e la manutenzione stradale.

Il pagamento della Tares avverra in quattro rate, gennaio, aprile, luglio e dicembre, con la prima che sarà accorpata alla seconda, di modo che, ad aprile scatterà l’ora della prima, vera stangata del 2013. Come per l’Imu, anche per pagare la Tares ci si potrà servire o dei modelli F24 o dei bollettini postali.




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il 03/01/2013 alle ore 09:34