BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: 200mila ancora senza copertura ma il calcolo esatto è complesso

Esodati: ancora in troppi senza tutele



Non bastano i 10 miliardi di finanziamenti pubblici per tutelare i 130 mila esodati individuati, perchè il numero dei lavoratori appartenenti a questa categoria è ancora alto.

Il primo decreto in favore degli esodati puntava al recupero di 65 mila persone, da pensionare entro fine 2013: con quel provvedimento sono stati protetti 25 mila lavoratori in mobilità ordinaria, 17 mila sotto la copertura dei fondi di solidarietà, 10 mila appartenenti alla categoria dei prosecutori volontari, 3.500 in mobilità lunga e un migliaio tra esonerati e lavoratori in congedo.

Altre 55mila persone erano state tutelate con una norma inserita nella spending review dello scorso luglio, ma per loro la questione rimane aperta, così come aperta è la questione che riguarda il numero esoatto di coloro rimasti senza tutela.

Secondo la Cgil sarebbero 200 mila, per la maggior parte lavoratori di piccole e medie imprese del nord, agricoltori, interinali e donne. Restano fuori dai provvedimenti correttivi i lavoratori che hanno sottoscritto accordi di mobilità validi dopo il 4 dicembre 2011 e quelli che hanno aderito fuori dalle sedi di carattere governativo.

Esclusi anche i lavoratori che hanno firmato accordi territoriali o aziendali, oltre a chi, entro il 6 dicembre 2011, non aveva ancora effettuato alcun versamento volontario.

Intanto, il Pd si dice pronto ad affrontare una volta per tutte la questione esodati trovando una soluzione per tutti quei lavoratori che a seguito delle nuove norme della riforma Bersani rischiano di rimanere senza pensione e senza lavoro e Pierluigi Bersani, leader del Pd, ha confermato che uno dei primi punti del suo programma sarà proprio quello di sistemare gli esodati e nello stesso tempo prevedere un’uscita pensioni più graduale.

Ma anche il Pdl si dice pronto a rivedere la norma esodati, mentre resta vaga l’agenda Monti in merito anche se dovrà toccare necessariamente al Professore risolvere il nodo esaodati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il