BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2012: test Miur non pubblicati online. Data prima prova a rischio slittamento

Ancora non online i test preselettivi: è polemica



Avrebbero dovuto esser rese note sul sito del Miur, il ministero dell’Istruzione, martedì 8 gennaio, secondo quanto annunciato, le prove di preselezione del concorso per la scuola 2012 in modo tale da dare la possibilità ai candidati di poter consultare il proprio quiz e capire quali quesiti avevano fatto bene e quali invece sbagliati.

Ma il ministero non ha ancora pubblicato online i test, segno che forse l’informatizzazione di questo concorsone per la prima volta web based non sia stata poi la scelta ottimale. Questo ritardo potrebbe far slittare anche la comunicazione dello svolgimento della prova scritta del concorso e la data stessa della prova.

Date e sedi ufficiali di svolgimento della prova scritta, secondo quanto annunciato giorni fa, dovrebbero infatti esser rese note martedì 15 gennaio, ma c’è chi teme possa slittare questa data.

La prova scritta consisterà nello svolgimento di un questionario di domande a risposta aperta. Le domande mirano a valutare le competenze professionali e quelle relative alla disciplina per la quale il candidato si presenta.

La prova sarà uguale in ogni sede sul territorio nazionale. La prova scritta prevede un punteggio massimo di 40 punti, dal momento che esiste la possibilità che ci possano essere due o più prove, per coloro che dovranno sostenere una prova scritta multipla, il risultato deriverà dalla media delle prove eseguite.

Perché la prova scritta possa ritenersi superata bisogna ottenere un punteggio minimo di 28 punti, mentre sono 30 i punti destinati alle prove di laboratorio e, anche in questo caso se le prove fossero molteplici per avere un risultato finale veritiero sarà necessario fare una media dei punteggi conseguiti per ciascuna prova.

La prova si reputa superata con il raggiungimento del criterio di 21 punti; il punteggio resta comunque espresso in quarantesimi poiché il risultato della prova scritta si somma a quello della prova in laboratorio.
 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il