Redditometro: la prova spetta all'Agenzia delle Entrate con nuovo sistema 2013

Le Entrate incroceranno i dati di spesa dei contribuenti: quali le voci sotto controllo



Sarà operativo dal prossimo mese di marzo il nuovo redditometro 2013 che però sarà retroattivo al 2010, mettendo cioè sotto analisi i redditi del 2009 di tutti i contribuenti italiani. E ci si chiede se diventerà davvero uno strumento efficace per la lotta all'evasione fiscale o se rappresenterà solo uno spauracchio, facendo, tra l'altro, come molti sospettando calare ancor più i consumi.

Il redditometro incrocerà diversi fattori per stabilire se la dichiarazione dei redditi è effettivamente quella dichiarata o meno, studiando ben cento le voci di spesa, divise in sette categorie, valide per undici le tipologie di famiglie, e in base a cinque le macro-aree geografiche.

Tra le principali voci di spesa: alimentari e abbigliamento, abitazione (mutuo, affitto, spese, manutenzione), combustibili ed energia, mobili, elettrodomestici e servizi per la casa, sanità, trasporti, comunicazioni, istruzione, tempo libero, cultura e giochi, altri beni e servizi. Nel mirino anche gli investimenti, tra cui immobili, auto, moto, barche, assicurazioni, titoli finanziari, contributi previdenziali.

Toccherà all’Agenzia delle Entrate incrociare le varie spese, comprese investimenti e altri prodotti finanziari, e vedere se effettivamente rientrano nel reddito dichiarato.

Nel momento in cui il cervellone delle Entrate dovesse notare scostamenti, potrebbe allora scattare l’accertamento fiscale e il contribuente sarà chiamato a fornire spiegazioni su eventuali anomalie. Se dagli accertamenti dovesse, infatti, emergere qualche incongruità vi sarà un conseguente accertamento del fisco.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il