Mutui 2013: i tassi di interesse medi variabili e fissi della banche italiane

Tassi medi in Italia più elevati rispetto agli altri Paesi europei: i motivi



Scende lo spread in Italia ma il mercato dei mutui e dei prestiti resta in stallo a causa dei costi che non accennano a scendere. La tendenza dei tassi di interesse per i mutui alti in Italia va decisamente controcorrente rispetto a quella europea: se, infatti, in Italia il tasso medi di un mutuo è al 4,50%, negli altri Paesi europei si aggira intorno al 3,35%.

Secondo gli ultimi dati della Banca centrale europea (Bce), gli interessi sui mutui sono discesa un po’ ovunque, ma non Italia, disegnando comunque un quadro piuttosto disomogeneo del Vecchio Continente.

Per esempio, in Germania si paga un tasso del 2,92%, in Austria uno del 2,97% e in Spagna uno del 3,06%, e addirittura dell'1,99% in Finlandia. In Italia, invece, si arriva a pagare fino ad un 4,61%.  E il motivo è molto semplice: è vero che l’Euribor, tasso cui sono legati i mutui variabili, scende, e l’Irs, tasso cui sono indicizzati i mutui a tasso fisso, è basso, ma è anche vero che le banche per loro ‘sicurezza’ tendono a mantenere alti i loro spread ed ecco che il costo dei mutui italiani si impenna.

Recandosi, per esempio, in una filiale bancaria italiana, sperando di riuscire ad ottenere un mutuo, in realtà sempre più difficile da avere per le troppe garanzie richieste dalle banche stesse, e ancor più difficili per i giovani, si notano inizialmente tassi convenienti, grazie appunto a Euribor e Irs a minimi.

Ma inizialmente, perché poi a conti finali, lo spread, cioè il ricarico applicato dalla banca per remunerare il costo della raccolta e il rischio e che ci si trascinerà poi lungo tutto il piano di ammortamento, si rivela elevatissimo e in media ben oltre i tre punti percentuali. Ecco spiegato perché a differenza di ciò che sta accadendo negli altri Paesi europei, in Italia il mercato del mattone non accenna al momento a riprendersi.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il