BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazioni auto 2013: tariffe e prezzi migliori. Confronto online

Rc auto prezzi: le migliori compagnie



Il 2012 è stato un anno terribile per il mercato di auto e moto e, secondo gli ultimi dati diffusi dall’ACI e dal Censis, sul mercato del nuovo e dell’usato emergono numeri che mettono in luce come gli italiani preferiscono tenersi al momento lontano dall’acquisto di nuove vetture.

Dal report emerge che crolla il mercato delle moto (-19%) e la crisi è ancora più nera sul versante ciclomotori (-32%) e per le auto (-20%) proseguendo il trend negativo del 2011 (-10,8%).

Dimezzata la propensione all’acquisto di auto nuove: 3,7% (era 7,4% nel 2011): il 52,6% degli intervistati non ha intenzione di comprare un’auto nei prossimi tre anni e, come se non bastasse, sono aumentati del +4,5% i costi di gestione ed è aumentata anche l’assicurazione del 3,2%.

Diverse sono state le proposte per far diminuire il costo delle polizze auto, tra cui quella dell’Aci, che promette un risparmio fino al 40%. Due, in particolare, le proposte avanzate: la prescrizione del diritto di risarcimento del danno dopo 90 giorni dall’incidente (contro i due anni attuali) e la riparazione dell’auto solo presso officine convenzionate con la propria compagnia assicuratrice.

Sono comunque diversi i prezzi proposti dalle compagnie nelle diverse città di Italia. Per esempio, a Napoli la polizza Rc auto, obbligatoria, può costare più del doppio che a Milano, e in questo quadro di costi salati, Italiana assicurazioni (gruppo RealeMutua) e Allianz risultano le compagnie più convenienti, seguite da Fondiaria-Sai e Generali.

Queste offerte migliori sono risultate dal preventivatore unico online dell’Ivass (l’Istituto di vigilanza sul settore assicurativo, www.ivass.it, l’organismo che dal 2013 ha sostituito l’Isvap) che comprende tutte le settantotto compagnie che nel nostro Paese operano nell’Rc auto e valuta solo la garanzia obbligatoria di Rc auto (escluse per esempio quelle contro furto e incendio) nella formula più diffusa, il bonus malus, per il massimale minimo di legge, e per la guida libera, in base a cui la garanzia opera per qualunque guidatore, senza rivalse da parte della compagnia in caso d’incidente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il