BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Liste ufficiali Pd e Monti. Pdl ancora al lavoro. Spiccano gli incandidabili in tutti i partiti

Liste pronte e nomi inattesi: chi sono



Mentre il Pdl è ancora a lavoro per definire le liste dei suoi candidati e Pd e lista Monti hanno invece già annunciato i candidati per le prossime elezioni politiche 2013 , spiccano anche diversi nomi incandidabili all’interno di tutti i partiti.

Da Luciano Moggi capolista del partito di Stefania Craxi in Piemonte; a Giovanni Favia in Emilia, con un partito diverso da quello con cui ha cominciato, perchè consigliere del Movimento a Cinque Stelle poi espulso da Beppe Grillo dopo un fuorionda in cui protestava per l’assenza di democrazia interna e ora per la Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia.

E spiccano poi i nomi di Emilio Fede; della campionessa di scherma Valentina Vezzali; Gregorio De Falco, l’uomo della capitaneria di Porto divenuto famoso per il rimpovo a Schettino con il celebre ‘vada a bordo, cazzo!’. Ma per lui, in realtà, niente lista Monti.

Nelle liste del Pd spiccano però anche nomi ‘poco raccomandabili’, tra indagati, condannati e prescritti, a partire da Caterina Romeo, ex coordinatrice provinciale torinese condannata per firme false e ora nominata addirittura garante della regolarità delle primarie; a Francantonio Genovese, candidato a Messina, indagato per abuso d’ufficio e al centro di una polemica per una rete familiare piazzata negli enti di formazione regionale; a Giovanni Lolli, di L’Aquila, rinviato a giudizio per favoreggiamento e prescritto; Antonio Luongo, candidato a Potenza, rinviato a giudizio per corruzione; Antonio Papania, a Trapani, che ha patteggiato la pena per abuso d’ufficio; ad Andrea Rigoni a Massa Carrara, condannato in primo grado per abuso edilizio, poi prescritto.

Nelle fila del Pdl, insieme a Marcello Dell’Utri, spicca il nome di Nicola Cosentino, conosciuto più per le accuse (e le condanne) che gli sono piovute addosso che per le sue capacità politiche. E poi ci sono Luigi Cesaro e Marco Milanese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il