Tares nuova tassa sui rifiuti: prima rata a luglio 2013. Quanto e come si dovrà pagare. Il calcolo

Ok dalla Commissione del Senato alla proroga per l'entrata in vigore della Tares



Slitta ufficialmente a luglio l’entrata in vigore della Tares, la nuova tassa sui rifiuti che ha creato parecchi timori nei contribuenti italiani perché, secondo le stime, dovrebbe essere particolarmente salata.

La commissione Ambiente del Senato ha, infatti, approvato l'emendamento del relatore, Antonio D'Alì, che fa slittare dal primo gennaio al primo luglio 2013 l'avvio della Tares. D’Alì ha precisato che il suo emendamento “è stato espresso all'unanimità.

Per noi la Tares, come è stata impostata, costituisce una ulteriore imposta sulla casa a cui siamo assolutamente contrari e riteniamo che sia opportuno che della vicenda si occupi il prossimo governo”.

D'Alì ha ribadito inoltre che, nel caso la prossima maggioranza sia di centrodestra, l'obiettivo è una cancellazione della nuova tassa che intanto slitta a luglio se l' Aula del Senato conferma il testo del decreto uscito dalla commissione.

Se la Tares sarà confermata dal prossimo governo eletto, saranno chiamati a pagare la nuova tassa i proprietari di immobili, anche coloro che detengono o occupano locali o aree scoperte, suscettibili di produrre rifiuti. In molti casi, però, anche la componente rifiuti dovrà aumentare il conto rispetto a quello presentato oggi, perché il tributo dovrà finanziare integralmente il costo del servizio rifiuti, cosa che oggi accade con sicurezza solo nei Comuni che applicano la tariffa Tia (sono circa 1.300, il 16% del totale).

 La nuova tariffa sarà commisurata all’80% della superficie catastale, valore che però oggi i Comuni non hanno ancora reso disponibile. Per questo, l’emendamento che ha dato il via libera alla Tares prevede che per il suo primo pagamento vengano considerate le superfici dichiarate ai fini Tarsu. Come per l’Imu, anche per il pagamento della nuova Tares bisognerà servirsi dei modelli F24.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il
Puoi Approfondire