BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iscrizioni scuola: domande e richieste online su Internet. Problemi in vista

Iscrizioni online nuovo anno 2013-2014 fra novità e problemi. Come fare



Al via il prossimo 21 gennaio le iscrizioni online per l’anno scolastico 2013-2014: una vera e propria innovazione telematica che sta già suscitando però diverse perplessità. I motivi?

Semplice, non tutte le famiglie italiane hanno dimestichezza con l’uso del computer tanto da riuscire a seguire le procedure di di iscrizione tramite web dei propri figli a scuola, né tutti gli italiani sono dotati di una connessione Internet per poter effettuare la nuova procedura. E allora come fare?

Da quest’anno i genitori che vorranno iscrivere i propri figli al nuovo anno accademico dovranno farlo esclusivamente via web, dal 21 gennaio per il primo anno della scuola primaria e secondaria, di primo e secondo grado, e fino al 28 febbraio.

Per farlo dovranno registrarsi al sito web www.iscrizioni.istruzione.it e inviare il modulo elettronico predisposto dalle scuole, che invieranno per e-mail la ricevuta alle famiglie. Stessa procedura online di iscrizione dovranno seguire coloro che si iscriveranno alle scuole superiori.

Quest’anno, dunque, invece di consegnare a mano il modulo della domanda di iscrizione, i genitori potranno accedere al sito del ministero della pubblica istruzione, scegliere la scuola che più gli piace e inviare la richiesta dopo aver compilato un modulo e aspettare l’esito sulla posta elettronica.

Chi non può effettuare questa procedura perché sprovvisto di una connessione a casa o chi incontra problemi nell’eseguirla, potrà recarsi presso gli istituti prescelti dove ci saranno addetti scolastici che aiuteranno i genitori ad effettuare la procedura via web per iscrivere i propri figli a scuola.

Ricordiamo che le uniche eccezioni di coloro che potranno presentare domanda in forma cartacea riguardano le iscrizioni alla scuola dell'infanzia, ai corsi per l'istruzione degli adulti, e alle scuole private.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il