BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: decreto per 55mila della Legge Stabilità in Gazzetta Ufficiale ma c'è molto da fare

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto per la salvaguardia di altre 55 mila persone



I candidati alle prossime elezioni politiche 2013 di ogni partito, da Pd a Pdl alla stessa lista Monti, promettono di sciogliere il nodo sulla questione esodati, per cui regna ancora grande incertezza sui numeri precisi e per cui le risorse sembrano comunque ancora insufficienti a tutelare tutti, al momento sono 130mila ex lavoratori in attesa della pensione, attesa resa sempre più lunga dalle lentezze burocratiche italiane.

Mentre, secondo la Cgil, sarebbero ancora 200mila i ‘rimasti fuori’ dalle tutele, fonti sindacali e Inps arrivano invece a ipotizzare cifre di trecento, quattrocentomila esodati, ed ecco che i numeri definitivi sono ancora incerti a causa dei tanti accordi collettivi ed individuali stipulati da aziende e sindacati nel corso degli ultimi anni e si attende, con ansia, la pubblicazione ufficiale del primo decreto esodati per la salvaguardia della platea dei 65mila individuati.

Ma ad oggi l'Inps non ha ancora definito la lista dei primi 65000 salvaguardati e manca la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei decreti contenenti le eventuali coperture previste dal governo Monti per gli esodati, cosa ritenuta ‘vergognosa e inaccettabile’.

Dal primo decreto interministeriale dello scorso giugno, a quello inserito appositamente nella spending review, all’emendamento alla Legge di Stabilità 2013, l’effettività di queste nuove norme stenta ad entrare in vigore e così non sono ancora state rese disponibili le risorse per assicurare la pensione ai 65mila esodati individuati dal primo decreto interministeriale; in attesa sono anche i 55mila individuati dal decreto della spending review, che sono in questo caso coloro che abbiano stipulato accordi privati, in Cassa integrazione, in mobilità o i contributori volontari.

Secondo però le ultime indiscrezioni, sembrerebbe che il secondo decreto per la salvaguardia dei lavoratori tutelati, altri 55mila dopo i primi 65mila del primo decreto, sia stato registrato alla Corte dei Conti. Nella nuova platea di 55 mila salvaguardati rientrano, tra gli altri, i lavoratori dell'ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, chiuso a fine 2011.

 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il