BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2013:blocco di fatto fino ad Aprile ma modifiche Riforma Fornero sicure da Pd,Pdl,Monti

Pochissime le pensioni fino ad aprile: Partiti pronti a modifiche Riforma



L'allungamento della speranza di vita, requisito fondamentale su cui si basa la riforma Fornero, fa crescere di tre mesi la possibilità di andare in pensione e così fino all'inizio di aprile riusciranno a uscire dal lavoro solo pochissime persone, in gran parte lavoratori autonomi che usufruiscono ancora delle vecchie regole.

Per gli altri scatta la mannaia delle nuove norme Fornero e di quelle sull'aspettativa di vita che aggiungono tre mesi di attesa a tutti. Anche chi ha raggiunto i 66 anni (e che quindi avrebbe mantenuto le regole della riforma Sacconi, 65 anni più un anno di finestra mobile) dovrà aspettare ancora tre mesi, mentre per chi li ha compiuti prima del 31 dicembre l'uscita era possibile entro il 2012 (poiché i 65 erano stati compiuti entro il 2011) ma per chi compie 66 anni dal 1 gennaio 2013 in poi, la pensione arriverà solo dopo aprile.

Ed ecco che l'Inps liquiderà nei prossimi tre mesi pochissimi nuovi assegni in attesa che vengano accettate le domande dei lavoratori esodati che rientrano nei decreti sui salvaguardati. Intanto, Pd, Pdl e Monti stesso sembrano tutti d’accordo sulle modifiche da attuare sulla riforma Fornero delle pensioni.

Ma già qualche mese fa, e quindi ben prima del periodo elettorale ormai nel vivo, Pd e Pdl avevano avanzato nuove proposte per rivedere la riforma pensioni firmata dal ministro Fornero.

La controriforma, presentata dai partiti insieme, Pd e Pdl, prevedeva un nuovo canale di pensionamento per lasciare prima il lavoro, a 58 anni. La proposta, così come presentata, sarebbe stata sperimentale fino al 2017, dando la possibilità di andare in pensione prima per uomini e donne: per i lavoratori dipendenti 58 anni (57 le donne) fino a tutto il 2015 e poi 59 (58 le donne) fino alla fine del 2017, purché si siano raggiunti però 35 anni di contributi e ricevendo un assegno più leggero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il