BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Borsa italiana: guadagni al 16% tra 2012 e inizio 2013. Conviene comprare o vendere azioni?

Azioni italiane: su quali puntare. I consigli



Se la Borsa italiana per questo 2013 viene da molti vista come una potenziale fonte di guadagni, c’è chi si pone comunque la domanda, in un momento in cui continua fondamentalmente ancora a dominare una forte incertezza economia, se conviene oggi più comprare o vendere azioni.

Da inizio anno la Borsa di Milano ha guadagnato oltre l'8%, salendo al 16%, secondo quanto emerso da un’analisi di CorrierEconomia. Secondo Filippo Ramigni responsabile investimenti di Classica Sim “per Piazza Affari ci sono potenzialità per continuare il rally con un obiettivo a 18.000-18.500 punti con estensioni anche sino a 20 mila.

L'intervallo di 13.000- 17.000 punti all'interno del quale si muoveva il mercato da oltre un anno è stato violato, trovando conferma nei rialzi di questi ultimi giorni”.

Sempre secondo gli analisti di Corriereconomia, l'area di demarcazione tra la continuazione della fase positiva e l'avvio di una fase correttiva, è sotto i 7.625/7.750 dell'indice Dax, mentre per Piazza Affari i 17.300 punti sono la base per avviare la retromarcia con obiettivo tra 16.900 e 16.800 punti, mentre guardando ai singoli titoli, il consiglio è di puntare su quelli che hanno corso poco e che sono rimasti indietro nel corso del 2012, come quelli delle telecomunicazioni, delle utility e, in Europa, delle materie prime. Bene, secondo Ramigni, anche i bancari. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il