BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iscrizioni scuola online: migliaia dovranno essere rifatte perchè non valide 2013-2014

Migliaia le iscrizioni non andate a buon fine: come rifarle



Ha registrato sì un boom di accessi la prima ‘sperimentazione’ di iscrizioni online per la scuola per l'anno 2013-2014, ma, come prevedibile, sono stati non pochi i problemi venutisi a creare. Tra questi anche molte iscrizioni non andate a buon fine.

Sarebbero circa 300 mila le iscrizioni a scuola risultate illegittime e che dovranno essere riformulate perchè, come sottolineato di recente dalla Corte Costituzionale (sentenza n. 147/12) il 20% cento degli istituti sono stati immotivatamente soppressi o accorpati dal Miur.

E' quanto sostiene l'Anief, che nei giorni scorsi ha scritto ai governatori di tutte le regioni per chiedere spiegazioni sulla mancata applicazione della sentenza della Consulta, ‘che ha sottratto all'amministrazione centrale la potestà sul dimensionamento scolastico e affidato proprio alle regioni il potere decisionale sulla materia’.

Ora intende rivolgersi ai Tribunali amministrativi regionali. Quanto accaduto è ancora più grave, dal momento che il governo è di fatto ritornato sui propri passi, stralciando quanto riportato nel disegno di legge di stabilità presentato a ottobre dallo stesso esecutivo: il comma 36 dell'art. 1, infatti, prendeva atto della decisione della Corte costituzionale e preannunciava una nuova intesa Stato-Regioni per l'attuazione di un nuovo dimensionamento in base al numero di 900 alunni per le scuole di ogni ordine e grado’.

Il risultato, secondo l'Anief, è che nell'anno scolastico in corso ci sono 2.611 scuole soppresse illegittimamente: 1.404 appartengono all'infanzia, sono primarie e circoli didattici, 2.375 nel primo ciclo di istruzione, 39 istituti professionali, 174 istituti tecnici e 23 licei.

Secondo il segretario generale della Flc-Cgil, Mimmo Pantaleo, è bene lasciare aperta per tutti la possibilità di effettuare l'iscrizione a scuola secondo le modalità tradizionali, cioè presentando i classici moduli cartacei.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il