BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni scuola quota 96: i requisiti, date e scadenze per fare domanda e ricorso. Ultime notizie

Quota 96: chi può presentare domanda pensionamento e come fare



Secondo le ultime novità comunicate dal Miur, il termine per la presentazione, da parte di tutto il personale del comparto scuola, delle domande di pensione avente decorrenza dal primo settembre 2013, è stato prorogato al 5 febbraio 2013.

E così il termine finale, previsto inizialmente per il 25 gennaio 2013, per la presentazione delle domande di collocamento a riposo viene prorogato a inizio febbraio 2013.

Si apre, dunque, una nuova strada per i pensionandi della scuola della cosiddetta quota 96 che potrebbero avere ancora una possibilità anche se per sapere come andrà a finire bisognerà attendere fino al 21 marzo, giorno in cui sarà presa una decisione definitiva da parte della Corte dei Conti interpellata dal Consiglio di Stato.

I docenti che hanno raggiunto i requisiti di pensionamento ma sono rimasti al lavoro potrebbero uscire in base alle vecchie regole con Quota 96 ma solo a marzo si saprà la soluzione definitiva alla questione.

Per presentare domanda bisogna aver appunto raggiunto Quota 96, somma tra età anagrafica e contributiva partendo da un minimo di anni 60 di età e 35 di contribuzione, e possono presentare domanda uomini e donne che al 3 dicembre 2011 avevano raggiunto 40 anni di contribuzione a prescindere dall’età anagrafica; il personale della scuola che raggiunge i requisiti con la normativa prevista dalla Legge Fornero e uomini e donne, che raggiungono l’età anagrafica di anni 66 e mesi 3 entro il 31 agosto 2013, saranno collocate in pensione d’ufficio per vecchiaia.

Per presentare la domanda per la pensione l’Anief ha presentato un nuovo modello e offerto il patrocinio gratuito per il ricorso alla Corte dei Conti del Lazio.  Per inviare domanda basta scrivere all’indirizzo di posta elettronica pensione31agosto2013@anief.net e inoltrare quindi la domanda di pensionamento all’amministrazione e all’ente previdenziale tramite raccomandata A/R con ricevuta di consegna.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il