BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto scadenza 31 gennaio 2013: dove conviene pagarlo

Dove pagare bollo e sanzioni previste per ritardi



Scade domani, giovedì 31 gennaio, il termine di pagamento del bollo auto che deve essere pagato da quanti hanno la scadenza a dicembre 2012 o hanno immatricolano l’auto tra il 22 dicembre 2012 e il 21 gennaio 2013.

In Piemonte e Lombardia, per chi immatricola l’auto tra l'1 e il 31 gennaio la scadenza è fissata per il 28 febbraio. Se il bollo viene pagato in ritardo, oltre alla tassa si dovranno corrispondere anche le sanzioni e gli interessi, calcolati in base all'entità del ritardo.

Chi pagherà il bollo entro 30 giorni dalla scadenza sarà, infatti, soggetto ad una sanzione pari al 3% della tassa originaria, oltre gli interessi legali giornalieri calcolati sui giorni di ritardo, la cui percentuale annua è pari al 2,5%; chi paga dopo il trentesimo giorno di ritardo, ma non oltre un anno, verserà una sanzione del 3,75%, oltre gli interessi legali giornalieri calcolati sui giorni di ritardo, la cui percentuale annua è pari al 2,5%; chi, invece, pagherò in ritardo di oltre un anno sarà soggetto ad una sanzione del 30% più gli interessi dovuti per ogni semestre di ritardo calcolati automaticamente dal sistema.

Per pagare il bollo ci si può recare presso tabaccai, in posta, in banca, nelle agenzie di pratiche auto (dove è possibile correggere i dati sbagliati inseriti nel sistema) e online tramite l'Aci.

Il bollo si può pagare anche tramite il canale bancario ATM (cd. sportello Bancomat) e il canale Internet Banking (solo per i clienti) presso gli istituti bancari abilitati, per i residenti in Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano e Provincia Autonoma di Trento.

Il servizio è attivo tutti i giorni 24 ore al giorno. Ricordiamo, inoltre, che la ricevuta del bollo va, generalmente, conservata  per tre anni e, se viene pagato dal tabaccaio, meglio conservare la ricevuta perché l’esercente non può accedere all’archivio dei versamenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il